Con la mostra “Morterone. Natura Arte Poesia”, la Casa dell’Arte di Morterone apre le porte al pubblico.

L’Associazione Culturale Amici di Morterone inaugura sabato 26 giugno 2021 alle ore 11 la Casa dell’Arte, uno spazio espositivo in cui vengono presentate opere di artisti internazionali appartenenti a diverse generazioni che hanno partecipato sin dalla metà degli anni ’80 a rigenerare ed animare la vita culturale di Morterone, località in provincia di Lecco nota per essere il più piccolo comune italiano per popolazione. L’attività dell’Associazione Culturale Amici di Morterone ha avuto inizio nel 1986 e nasce dalla visione poetico-filosofica della Natura Naturans di Carlo Invernizzi, che pone al centro delle proprie riflessioni l’uomo e la sua capacità di percepire e sentire ciò che gli sta intorno non come un qualcosa di estraneo, ma come parte integrante del divenire vitale.

Casa dell'Arte Morterone

Il percorso espositivo della Casa dell’Arte, si ricollega alle mostre presentate a Morterone nel corso dei decenni.  Nelle sale disposte su tre piani, nell’ambiente esterno e nella Località Pradello, troviamo opere di Rodolfo Aricò, Gianni Asdrubali, Francesco Candeloro, Nicola Carrino, Enrico Castellani, Alan Charlton, Carlo Ciussi, Gianni Colombo, Dadamaino, Riccardo De Marchi, Lesley Foxcroft, Bernard Frize, Riccardo Guarneri, Igino Legnaghi, François Morellet, Mario Nigro, Pino Pinelli, Bruno Querci, Ulrich Rückriem, Angelo Savelli, Antonio Scaccabarozzi, Nelio Sonego, Mauro Staccioli, Niele Toroni, David Tremlett, Günter Umberg, Grazia Varisco, Elisabeth Vary, Michel Verjux, Rudi Wach. Le poesie di Carlo Invernizzi accompagnano il visitatore lungo l’intero percorso espositivo.

Casa dell'Arte Morterone

Alle ore 15 dello stesso giorno la Casa dell’Arte sarà anche sede di una conversazione degli artisti e dei curatori con i docenti e gli studenti del Corso di Laurea Magistrale in teoria e storia delle Arti e dell’immagine della Facoltà di Filosofia dell’Università Vita-Salute San Raffaele, promosso dal Centro Europeo di Ricerca ICONE: un incontro aperto al pubblico, che sarà accessibile sia in presenza sia in streaming su Microsoft Teams e in diretta sulle pagine Facebook e Instagram del Museo d’Arte Contemporanea all’Aperto di Morterone. L’incontro, in cui gli artisti e i curatori dialogheranno con Massimo Donà e Andrea Tagliapietra, propone una riflessione interdisciplinare sull’identità e le espressioni di questo straordinario unicum nel panorama internazionale dei musei all’aperto.

Casa dell'Arte Morterone

A CURA DI: Epicarmo Invernizzi e Francesca Pola
INAUGURAZIONE: sabato 26 giugno 2021 ore 11
SEDE: Casa dell’Arte, Località Pra’ de l’Ort, Morterone
ORGANIZZAZIONE: Associazione Culturale Amici di Morterone e Comune di Morterone
CONVERSAZIONE: ore 15, intervengono Massimo Donà, Andrea Tagliapietra, gli artisti e i curatori
DIRETTA STREAMING SU: Microsoft Teams: https://bit.ly/3tsWk5Y

EVENTO APERTO AL PUBBLICO IN PRESENZA

Facebook: Museo d’Arte Contemporanea all’Aperto di Morterone | Instagram: @macamorterone

Per informazioni: tel. +39 360 1050294 | +39 339 6385597 | info@macamorterone.it | www.macamorterone.it


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine degli Architetti dal 2016, lavora oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo della creatività lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone che lo circondano. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore nel progresso, credendo che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo uguale per tutti, è per natura il più grande strumento di democrazia.

Leave A Reply