La Dorothy Cyrcus Gallery di Londra presenta l’artista Matthew Grabelsky.

La Dorothy Circus Gallery di Londra è entusiasta di presentare Passengers, la prima personale in Europa dell’artista americano Matthew Grabelsky in esposizione dal 5 Dicembre 2019 al 5 Gennaio 2020. Pittore iperrealista contemporaneo dall’immaginario unico e indubbiamente divertente, Matthew Grabelsky porta in scena una serie inedita di di cinque tele ad olio e quattro studi, portando lo spettatore a porsi dei quesiti su questioni private e pubbliche, collocando l’immaginario in quei luoghi che viviamo tutti i giorni e ai quali forse non prestiamo troppa attenzione.

Se la scienza, infatti, è il filtro prediletto attraverso il quale guardare la realtà, l’arte ne è lo strumento preferenziale di interpretazione, dice l’artista. E osservando le sue figure mitologiche non è difficile immaginare il perché; dal momento in cui per la prima volta Matthew Grabelsky ha avuto il guizzo di animalizzare – perché di questo, e non viceversa, si sta parlando – i personaggi da lui incontrati nella metro di New York, la sua ricerca è andata facendosi sempre più scrupolosa e attenta al dettaglio.

Matthew Grabeslky, Dorothy Circus Gallery, London

Matthew Gabrelsky Elephant & Castle, Oil on canvas, 36×51 cm

In una serie inedita di tele e disegni su carta, l’artista ci sottopone questioni annose che non sempre si riducono ad una risposta dicotomica. È la tecnologia responsabile del nostro isolamento? Se non tenessimo gli smartphones in mano, è plausibile immaginare che rivolgeremmo il nostro sguardo  in alto, o verso chi ci è seduto accanto? Deliziosamente stonati nel loro corpo ibridi i personaggi di Matthew Grabelsky stimolano la curiosità per l’altro, e ci predispongono ad una accettazione e identificazione dei nostri simili nei loro aspetti animali.

Attraverso la contestualizzazione dell’animale in ambienti a lui non consoni, come la metropolitana o i treni, Matthew Grabelsky cerca di sensibilizzare la questione dello sfruttamento degli animali. Per questo motivo, attraverso i suoi contenuti, è risultato oggetto di interesse per l’artista Moby che è particolarmente legato a temi quali il cambiamento climatico e al maltrattamento degli animali. Per questo motivo il musicista ha richiesto a Matthew Grabelsky di creare la copertina per l’album “Everything Was Beautiful, And Nothing Hurt” del 2018.

Matthew Grabeslky, Dorothy Circus Gallery, London

Courtesy: Dorothy Circus Gallery (Rome-London)

About Dorothy Circus Gallery

La Dorothy Circus Gallery èuno spazio dedicato all’arte Pop Surrealista e alle nuove tendenze dell’arte figurativa. Apre a Roma nel 2007, “al confine tra New York e il paese delle Meraviglie”, portando per la prima volta sulla scena dell’arte contemporanea italiana artisti del calibro di Joe Sorren, Ron English, Sas & Colin Christian, Camille Rose Garcia, Alex Gross, Tara McPherson, James Jean, Miss Van, Kazuki Takamatsu e molti altri.
Con sede nel centro storico di Roma e, dal 2018, nell’affascinante Connaught Street, a Londra, la Dorothy Circus Gallery alza ogni giorno il proprio sipario su un prestigioso programma dedicato al Surrealismo Pop in tutte le sue forme, proponendo mostre di alta qualitàispirate da temi specifici che coinvolgono la letteratura, la musica e il costume.
Attraverso una ricerca dedicata e rigorosa, Alexandra Mazzanti, direttrice e proprietaria della Galleria, contribuisce anche ad introdurre ed esporre il Pop Surrealismo proveniente dalla scena asiatica contemporanea, continuando a scoprire e promuovere artisti di talento eccezionale in tutto il mondo, provenienti dalla Nuova Arte Figurativa cosìcome dalla Street Art.

Website: www.dorothycircusgallery.com
For General Inquiries: info@dorothycircusgallery.com
For Press Inquiries: press@dorothycircusgallery.com
Instagram: @dorothycircus


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Glamour Affair è una “finestra” che fornisce più punti di vista sul mondo e, nello specifico, su tutto quello che è di tendenza e assume una connotazione Glam. La moda, il design, le tendenze, gli ultimi prodotti beauty, il benessere, l’arte culinaria, le mete turistiche più ambite, aggiornamenti dallo Showbiz, ecc., sono argomenti che interessano sempre più persone: questa “vetrina metropolitana” ha proprio lo scopo di aggiornarvi su quanto c’è di nuovo e su tutto quello che reputiamo interessante e che possa creare un dibattito costruttivo e di valore. Glamour Affair nasce dalla voglia di un gruppo di persone, con diversi percorsi scolastici e con diverse passioni, ma che hanno in comune un motto: “Le cose belle non sono mai abbastanza e bisogna condividerle”. Argomenti e temi appartenenti a sfere culturali e sociali diverse, apparentemente antitetiche, si fondono in un unico luogo virtuale in cui, tra un estremo e l’altro, si riproducono le sfumature che caratterizzano la società in cui viviamo, per arrivare a più persone e in più luoghi possibili attraverso il web. Articoli, eventi, contest, promo e immagini sono il contenuto con il quale Glamour Affair veicola, attraverso il pensiero dei propri Contributor, la visione del mondo che si vuole indagare e che, più generalmente, volga ad una visione positiva di quello che ci circonda: un insieme di opportunità contemporanee e future. Senza mai avere paura di rinnovarsi, costantemente guardando al passato. Perché, su Glamour Affair, “Ogni giorno è un nuovo inizio”!

Leave A Reply