PUBBLICITÀ

 

Pull a pig: quando ignoranza e crudeltà non hanno limiti.

La bellezza è sicuramente qualcosa di oggettivo, viviamo in un’epoca dove l’estetica spesso conta più dei sentimenti.
Purtroppo ci si dimentica spesso che dentro ad un corpo si nasconde anche un’anima, spesso si tratta di un’anima che ha semplicemente bisogno di amore, conforto, amicizia, approvazione, perché non tutte le anime sono forti, ci sono anime fragili. Come ci sono anche “uomini”, se così possiamo chiamarli, che un’anima non ce l’hanno e si sentono “fighi” nel comportarsi come degli omuncoli, ma in realtà sono persone piccolissime.

Il mondo dei social e il web in generale danno la possibilità di connettersi con una moltitudine di persone e di rimanere aggiornati su tutto, ma dall’altra hanno anche la facoltà di far dilagare ignoranza e crudeltà.
Il Cyber bullismo ormai è sempre più diffuso e così anche “nuovi giochi crudeli” rimbalzano da una parte all’altra del mondo e si diffondono, quasi come fossero degli atti eroici, ma di eroico non hanno proprio nulla, celano solamente immaturità e ignoranza.

Si chiama “Pull a pig” il nuovo gioco crudele che sta spopolando in rete e che per fortuna non ha ancora avuto vittime in Italia. “Pull a pig”, letteralmente “ingannare il maiale”, fa già chiaramente capire lo scopo meschino di questo nuovo gioco.

La storia di Sophie Stevenson.

Sophie Stevenson, inglese di 24 anni, si trovava a Barcellona con le sue amiche in un bar dove ha conosciuto un ragazzo olandese, Jesse Mateman, di 24 anni. Era il 17 agosto, proprio il giorno dell’attentato a Barcellona… e forse le circostanze tragiche di quella giornata, il bisogno di sentirsi amati, la felicità nell’essere scampati a quella tragedia ha portato i due ragazzi ad avvicinarsi.
Può sembrare l’inizio di una storia romantica, ma purtroppo è l’inizio di un gioco di pessimo gusto.
I due ragazzi si scambiano messaggini d’amore, parole dolci e lei, Sophie, come tutte le ragazze che sperano sempre di trovare il grande amore, ci crede, si fida di lui e se ne innamora, fino a decidere di fare una pazzia: decide di rincontrarsi con il “suo” Jesse.

Arrivata a destinazione, Sophie purtroppo scoprirà che tutto questo era uno scherzo, che era stata ingannata, che Jesse aveva solo deciso di prendersi gioco di lei e farsi “uomo” davanti ai suoi amici. Una volta arrivata in hotel la ragazza riceve un messaggio con scritto “You’ve been pigged”.
Quel messaggio era la conferma che Jesse si era preso gioco di lei, le aveva fatto credere di essersi innamorato.
Sophie dopo quel messaggio si rese conto che lo scherzo era reale e che era stata scelta perchè “brutta e grassa”.

Quando ci si prende diritti che non abbiamo.

Quale diritto ha una persona di decidere quanto vale un’altra? Quale diritto un umano può ledere la sensibilità di un altro umano?
Chi decide che meritiamo di essere umiliate perché non abbastanza belle, intelligenti, magre o semplicemente perché non siamo abbastanza? Purtroppo questo nuovo gioco maledetto è diretto a denigrare donne e ragazze grasse.
Non sono comunque persone con la loro sensibilità seppur con dei chilogrammi di troppo?
E’ triste  l’idea che qualcuno possa pensare di esser migliore di un altro e si senta in diritto di distruggere la sensibilità altrui.
Forse dovremmo tutti preoccuparci più delle nostre anime che dei nostri corpi.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Classe 1984, calabrese di origine, ma brianzola di adozione. Segni particolari? Sono dei gemelli e questo basta e avanza! Odio: annoiarmi, le persone negative, la tristezza e la cattiveria gratuita. Amo: il mare, il sushi, la pizza, il tiramisù e in generale il buon cibo... e, ahimè, si vede! Amo leggere storie romantiche che mi fanno sognare ad occhi aperti, ballare, cucinare e gli animali, in modo particolari i cani. Sono un’eterna e inguaribile romantica, ho un animo rock, ma impazzisco per il tulle, le gonne midi, soprattutto se sono vaporose e i tacchi alti, anche se per comodità indosso spesso le sneakers. Parlo tanto, anzi tantissimo... parlo anche con i muri. Ah, di conseguenza scrivo anche tanto. Mi sono laureata in Comunicazione di Massa Pubblica e Istituzionale nel 2011; la mia passione per la moda mi ha portato ad aprire un blog nel 2013: The Shade of Fashion, il mio angolo personale sul web. Piena di energia, per me le cose sono o bianche o nere, le mezze misure il più delle volte non esistono. Io sono così, o mi si ama o mi si odia! Il dilemma è: "mi amerete o odierete?".