Alexandra Mazzanti, direttrice della Dorothy Circus Gallery, in una riflessione per una ripresa sostenibile del mercato dell’arte e delle imprese creative.

“Mi auguro fortemente che oltre al desiderio di tornare alla “Normalità” tutti noi avremo la forza e la coscienza di analizzare e determinare il grado di sostenibilità con cui venivano portate avanti le nostre attività e le nostre vite prima del Covid19. Di fronte al rischio dell’apocalisse bisogna ripartire da una nuova alleanza, quella tra la necessità di sviluppo e di progresso e la bellezza, che viene altrimenti trascurata e fagocitata dall’ottusità di una razionalità del profitto.
La Politica Culturale del nostro paese, è stata finora confinata in una posizione distante dal fermento culturale e inaccessibile per il mondo della nuova impresa creativa, generando l’assenza di dialogo tra le Istituzioni dell’Arte e gli spazi Privati, ma oggi vedo una possibilità di ripresa di entrambi nell’ipotesi di una collaborazione volta a fare rete culturale compatta. La mia speranza è che nasca un nuovo tessuto d’impresa, pubblica e privata, che dia priorità alla sostenibilità del mercato dell’Arte, cosi come alla coerenza del messaggio artistico (visto che la pandemia ci ha reso chiaro che c’è la necessità di essere più rispettosi del modo in cui viviamo questo pianeta) che possa trovare un alleato nelle Gallerie Private.
Queste infatti, se considerate in partnership come spazi satellite, possono essere valide alternative al gigantismo degli spazi preposti a contenere sempre maggiori raggruppamenti di persone ed opere sempre più grandi. A mio avviso i grandi eventi e altrettanto i grandi musei potrebbero così tornare ad offrire un’esperienza a misura d’uomo, concentrandosi più sulla qualità della singola visita che sulla quantità, e ampliare i contenuti espositivi dilatando i tempi di fruizione, attraverso l’approfondimento e la condivisione dei processi creativi legati al fulcro della creazione dell’opera, a prescindere dalle logiche di money gaming.
Anche a supporto del sistema Scuola le Gallerie possono giocare un ruolo decisivo, poiché trattando l’iper-contemporaneo delle Arti Visive, sono le realtà più vicine ai giovani e sono in grado di offrire un servizio estremamente di qualità poiché ciascuna si avvale di curatori  professionisti e rappresenta tanti Artisti  che spesso nei loro paesi espongono nei musei e che raramente hanno il riconoscimento che meritano in Italia.
Quello che inoltre vedo e spero come futuro, è l’utilizzo dell’arte e della bellezza come mezzo di insegnamento ed elemento di arricchimento del messaggio scientifico e vice versa. Così come il bello per raggiungere il sublime deve muovere le corde dell’anima attraverso il suo messaggio emotivo, così come anche la scienza e il progresso perdono di senso se non hanno un fine etico e se sono volte al mero supporto del tessuto commerciale. Entrambi gli emisferi, sia arte che scienza, se fine a se stessi, sperimentazione per sperimentazione, al solo fine di elucubrare rappresentano il vuoto e perdono occasione di provarsi adeguate alle esigenze della contemporaneità”.

Alexandra Mazzanti Dorothy Circus Gallery

Alexandra Mazzanti Portrait by Chiara Kurtovi


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉




 

About Author

Glamour Affair è una “finestra” che fornisce più punti di vista sul mondo e, nello specifico, su tutto quello che è di tendenza e assume una connotazione Glam. La moda, il design, le tendenze, gli ultimi prodotti beauty, il benessere, l’arte culinaria, le mete turistiche più ambite, aggiornamenti dallo Showbiz, ecc., sono argomenti che interessano sempre più persone: questa “vetrina metropolitana” ha proprio lo scopo di aggiornarvi su quanto c’è di nuovo e su tutto quello che reputiamo interessante e che possa creare un dibattito costruttivo e di valore. Glamour Affair nasce dalla voglia di un gruppo di persone, con diversi percorsi scolastici e con diverse passioni, ma che hanno in comune un motto: “Le cose belle non sono mai abbastanza e bisogna condividerle”. Argomenti e temi appartenenti a sfere culturali e sociali diverse, apparentemente antitetiche, si fondono in un unico luogo virtuale in cui, tra un estremo e l’altro, si riproducono le sfumature che caratterizzano la società in cui viviamo, per arrivare a più persone e in più luoghi possibili attraverso il web. Articoli, eventi, contest, promo e immagini sono il contenuto con il quale Glamour Affair veicola, attraverso il pensiero dei propri Contributor, la visione del mondo che si vuole indagare e che, più generalmente, volga ad una visione positiva di quello che ci circonda: un insieme di opportunità contemporanee e future. Senza mai avere paura di rinnovarsi, costantemente guardando al passato. Perché, su Glamour Affair, “Ogni giorno è un nuovo inizio”!

Leave A Reply