Banksy ha aperto un hotel in Cisgiordania, di fronte al muro di Gerusalemme. Si chiama Walled Off Hotel e si trova a 500 metri dal checkpoint e a poco meno di due chilometri dal centro di Betlemme, in un quartiere ricco di ristoranti e negozi. Una zona che, stando a quanto dichiarato sul sito dell’albergo, è sicura per i turisti. Il misterioso e controverso artista britannico, famoso per i suo graffiti dal forte significato simbolico sui muri di molte città del mondo, ha deciso di aprire il Walled Off Hotel in occasione dei cento anni dalla Dichiarazione di Balfour da parte del governo britannico, un’azione che contribuì a dare inizio ad un periodo di conflitto.  Tale dichiarazione, nel 1917, affermava che la Gran Bretagna vedeva con favore la creazione di una colonia ebraica sul territorio palestinese.

Stando a quanto dichiarato dal sito ufficiale, l’iniziativa non ha intenti antisemitici: la struttura è finanziata da Banksy e non è allineata con nessun movimento nè gruppo politico. “Lo scopo- si legge – è quello di raccontare la storia del muro da ciascun lato e dare ai visitatori l’opportunità di scoprirla autonomamente. Accogliamo con piacere i giovani israeliani. Non sono tollerate forme di fanatismo all’interno della struttura”.  L’hotel ha iniziato ad accettare prenotazioni l’11 marzo. A partire dalla stessa data, è stata aperta ai visitatori anche la galleria d’arte al suo interno: sono esposte opere di artisti palestinesi degli ultimi vent’anni.  Il piano bar è arredato in maniera tale da ricordare un avamposto coloniale britannico di inizio ‘900, periodo nel quale la Gran Bretagna iniziò ad esercitare la sua influenza sulla Palestina.

Sono inoltre presenti opere di Banksy, tra cui statue di figure umane che soffocano a causa di inalazioni di gas. L’hotel ospita anche un museo dedicato alla storia del muro di Gerusalemme. E che dire delle stanze? Decorate da Banksy, Sami Musa e Dominique Petrin sul tema della guerra israelo-palestinese, offrono l’occasione unica di dormire letteralmente in un’opera d’arte e di riflettere su uno dei conflitti più dilanianti del ‘900. Si va dalla stanza presidenziale, una suite elegante che riproduce gli alloggi di un capo di stato corrotto, alla camera con un graffito di Banksy dietro alla testata del letto, raffigurante due uomini, un poliziotto di frontiera israeliano e un palestinese, impegnati in una guerra di cuscini.

 

Walled Off Hotel Banksy

Crediti: Walled Off Hotel Banksy


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.

1 commento

Leave A Reply