PUBBLICITÀ

 

Al via la personale del celebre fotografo milanese Elia Festa.

“Raccontare l’arte è raccontare la persona che l’ha prodotta, le sue idee, i luoghi, i compagni di viaggio; è seguire i fili dell’orditura, svelare cosa si nasconde tra le trame del tessuto, dare voce alla cultura, che da corpo alle forme e fiato ai suoni e alle rappresentazioni di cui gli esseri umani si circondato per raffigurare se stessi e il loro mondo. Attraverso le immagini e le fotografie di Elia festa faremo un viaggio attorno agli ultimi quarant’anni di storia recente, intercorsa dal boom economico ai giorni nostri”.

Con queste parole il curatore, Fortunato D’Amico, introduce la grande mostra personale del celebre fotografo milanese Elia Festa, allestita su progetto espositivo dell’Architetto Matteo Fantoni presso il Palazzo delle Stelline di Corso Magenta, sede della Galleria del Gruppo Credito Valtellinese. Inaugurata nel Vernice per la stampa del 16 maggio e aperta al pubblico dal 17 maggio al 1 luglio, la mostra dal titolo “Nato Soprattutto a Milano” racconta il percorso e la storia professionale del fotografo Elia Festa, strettamente intrecciata con l’evoluzione dell’identità e della cultura della città di Milano degli ultimi 40 anni. Milano ha infatti rappresentato il modello ideale dell’italianità del dopoguerra. Nell’area iniziale la camera oscura diventa l’elemento simbolico in cui viene partorito il nuovo italiano del boom economico, in transito dagli anni ’50 ai ’60, e poi settanta sino ai giorni nostri. La fotografia, e con essa la pubblicità, sono stati gli strumenti utilizzati per la trasformazione culturale degli italiani. In questo senso l’opera di Elia Festa è rappresentativa di un lungo momento storico durato mezzo secolo in cui nulla è più come prima.

Elia festa, nato soprattutto a Milano

Accesso al Refettorio, sede della Mostra. In primo piano le moquette EGE con le texture di Elia Festa.

La mostra, in un ampio percorso temporale e cronologico, accoglie le opere più rappresentative di un intenso lavoro in continua evoluzione che parte dagli anni settanta con le prime ricerche fotografiche, prosegue negli anni Ottanta con la realizzazione delle più importanti campagne pubblicitarie con le più note aziende italiane (Breil, San Pellegrino, Moschino, Kodak, Enel, ecc.). Segue l’intensa e proficua collaborazione con la Galleria Photology di Milano e Londra che indirizza il lavoro di Elia Festa nella decade degli anni novanta. Agli inizi degli anni duemila, avviene il passaggio dalla fotografia analogica all’immagine digitale e, quindi, all’arte visiva. Un’ampia area della mostra è dedicata alle grandi opere e sculture nelle quali l’utilizzo del bianco e nero esalta la precisione quasi chirurgica dei tagli, delle inquadrature dove ogni senso è ragionato e voluto. E, infine, la sezione più moderna con opere di grandi dimensioni dove si alterna il colore dal forte impatto emotivo al bianco e nero. Il percorso espositivo si apre e si chiude con due camere oscure che regalano al visitatore un’esperienza emozionale ed immersiva molto coinvolgente.

Elia festa, nato soprattutto a Milano

Al centro in basso Elia Festa, con alcuni degli organizzatori e ospiti amici del fotografo.

La mostra di Elia Festa si racconta all’interno di un’onda naturale, creata dal rinomato Architetto Matteo Fantoni, ritmata da un susseguirsi di volumi variabili, compressioni ed esplosioni spaziali, luci ed ombre che il visitatore attraversa per conoscere e vivere l’artistico del fotografo. La luce, metafora nascosta dell’intero percorso espositivo, si manifesta sia sul piano bidimensionale che su quello tridimensionale sconfinando, con la forza espressiva dei contenuti artistici di Elia Festa, nella concezione olistica dell’esistenza. In questo cammino tra immagini, testi e video, si ha la possibilità di leggere i cambiamenti della nostra società e gustare una vita fatta di passione per la fotografia. Quella di Elia Festa, “Nato Soprattutto a Milano“. La mostra è accompagnata da un Catalogo edito da NFC Edizioni contenente testi introduttivi a firma del curatore Fortunato D’Amico. Vi invitiamo a visitare la mostra ad ingresso gratuito presso la Galleria del Gruppo Credito Valtellinese di Milano in Corso Magenta 59. aperta da martedì a venerdì dalle 13.30 alle 19.30 e sabato dalle 10.00 alle 18.30, mentre rimarrà chiusa il 2 giugno.

Elia festa, nato soprattutto a Milano

La locandina pubblicitaria della Mostra.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.