Il 4 luglio 1957 la leggendaria Fiat 500 fu presentata al mondo.

4 milioni di vetture vendute tra il 1957 e il 1977. Questi sono i numeri di una vettura che ha accompagnato l’Italia nel boom economico. Bastavano “solo” 465 mila lire per averla e sembra di parlare della preistoria dell’automobile pensando a questo modello che “invase” letteralmente la vita dei giovani nei viaggi fuori porta, negli appuntamenti romantici e nelle serate con gli amici. Il tutto senza finestrini elettrici, radio, climatizzatore e con un cambio che per usarlo bisognava fare l’odiosa “doppietta”. Allora l’unico optional della Fiat 500 era: la passione. La sua origine risale addirittura al 1936 quando il suo progettista, l’ingegnere Dante Giacosa, aveva già stupito con la prima Fiat 500, più conosciuta come Topolino e primo modello popolare italiano.

Fiat 500 anniversario

Raduno di Fiat 500 in Piazza del Popolo a Roma negli anni ’60.

La Fiat 500 si è via via arricchita di varianti rispetto al modello base mostrato per la prima volta il 4 luglio del 1957. Le prime due (la 500 Normale e la 500 Economica) vennero infatti lanciate a pochi mesi dal debutto, in occasione del Salone di Torino, per ovviare ad un problema che affliggeva la prima versione: la mancanza di un vero divanetto posteriore e l’omologazione per due soli posti. Poi una serie di versioni indimenticabili: dalla 500 Sport alla 500 Giardiniera, piccola wagon più lunga di 10 cm della berlina, dalla 500 D con cilindrata aumentata e velocità che toccava i 95 km/h, alla 500 F con le porte controvento, dalla 500 Lusso all’ultima 500 R che uscì di produzione nell’estate del 1975 con il lancio della Fiat 126 che ne raccolse l’eredità.

Fiat 500 anniversario

La “vecchia” e la nuova Fiat 500.

Il testimone di questa icona è stato raccolto nel 2007 dall’attuale generazione della Fiat 500, nuovo fenomeno del mercato e arma vincente del Gruppo FCA ideata da Roberto Giolito che, dietro intuizione geniale di Lapo Elkann, ha dato nuova vita al mito. La Fiat 500 2.0, con già più di 2 milioni di vetture vendute, ha dato vita ad una serie di modelli di grande successo (dalla L alla X, dalle cabrio alle sportivissime Abarth), fino alla ultima creatura nata per spegnere le 60 candeline: la Fiat 500 Anniversario, lanciata in marzo al Salone di Ginevra di quest’anno. Un modello ispirato agli anni della Dolce Vita e disponibile sia nelle versioni berlina che cabrio, con uno stile ispirato al passato per offrire il meglio di oggi. Come dice lo slogan di casa Fiat: “La più giovane sessantenne di sempre“. Scoprila sul SITO UFFICIALE!

Fiat 500 anniversario

Il nuovo modello Fiat 500 Anniversario.

Per celebrare questo anniversario, Fiat ed i numerosi Club di tutto il mondo, organizzeranno per questa data numerosi eventi anche fuori Torino, tra cui il grande raduno del Fiat 500 Club Italia che si svolgerà dal 7 al 9 luglio a Garlenda, località dell’entroterra ligure vicino ad Albenga, con vetture e appassionati provenienti da tutto il mondo.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.