Sottoscritto l’accordo per la Ricerca e l’Innovazione tra Regione Lombardia e Brembo.

Sviluppare una nuova generazione di sistemi elettrici ad alte prestazioni, sia per gli impianti frenanti sia per la trazione delle automobili. E’ l’obiettivo del Progetto pilota “Inproves”, che vede come capofila la multinazionale dei freni Brembo e, tra i finanziatori, la Regione Lombardia nell’ambito degli accordi regionali per la ricerca e l’innovazione. Il progetto è stato presentato il 17 luglio nello stabilimento Brembo di Curno, in provincia di Bergamo, dal presidente della Società, Alberto Bombassei, dal Governatore Roberto Maroni e dall’Assessore regionale all’Università, Ricerca ed Open Innovation Luca Del Gobbo. L’Accordo garantirà l’arrivo di 4 milioni di euro a fondo perduto, grazie ai fondi Por Fesr 2014-2020, su una spesa complessiva prevista di 7,4 milioni di euro.

Inproves brembo

L’Assessore Luca Del Gobbo con i Presidenti di Regione e Brembo, Roberto Maroni e Alberto Bombassei.

“Il settore dell’elettrico avrà uno sviluppo notevole e noi vogliamo essere protagonisti di questa rivoluzione che interesserà il mondo delle automobili, il tutto in linea con il paradigma dell’industria 4.0” ha commentato Alberto Bombassei. Il Progetto “Inproves” è supportato dal cluster lombardo della mobilità e vede tra i partner la Magneti Marelli, il Politecnico di Milano, l’Università di Bergamo e altre 5 imprese leader. Il progetto porterà alla produzione di prototipi di motori a magneti permanenti brushless a elevatissime prestazioni, precursori di una nuova generazione di motori elettrici per veicoli stradali. “Alla fine del 2019 puntiamo ad avere dei prototipi funzionanti e anche un impianto in grado di sostenere la produzione a livello industriale” ha affermato il direttore dell’area ricerca e sviluppo di Brembo, Giorgio Ascanelli.

Kilometro Rosso Brembo

Sede della Brembo perso il Kilometro Rosso alle porte di Bergamo.

“Inproves” rappresenta uno dei progetti innovativi selezionati tra i circa cento che hanno partecipato al bando per gli “Accordi per la Ricerca” finanziati dalla Giunta regionale lombarda per un importo complessivo di 106 milioni di euro, che consentiranno a imprese e centri di ricerca di investire ulteriori 206 milioni di euro. Gli Accordi lanciati da Regione Lombardia sono strumenti nuovi, che superano la logica del bando. I progetti, che riguardano innovazioni di prodotto o di processo di altissimo profilo, sono stati presentati da una rete fatta da almeno un’impresa (di qualunque dimensione) e un centro di ricerca e/o Università. Con Brembo, il progetto “Inproves” si candida ad essere avanguardia di un nuovo modello di industria dell’automotive.

inproves brembo

Modello 3D di un motore brushless.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Il mio nome è Alessio, ma per i più sono Gillo. Nato in Brianza nel 1988, sono per metà pugliese. Ho un carattere risoluto e spesso odio le mezze misure, ma ciò non mi impedisce di essere sempre disponibile verso tutti. Sono tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore) e credo che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Ho molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design mi ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ho esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società che ho aperto con mio fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), in genere mi ha portato ad essere un gran osservatore e sviluppare un forte occhio critico. Cerco di dare molto valore al tempo, soprattutto perché è il più grande strumento di democrazia essendo, per natura, uguale per tutti.