“The Atlas of Beauty” è il viaggio fotografico di Mihaela Noroc per documentare la bellezza nella diversità.

In quanti modi si può intendere la bellezza? Tanti, almeno quante sono le culture del pianeta. Se è poi vero che la bellezza sta negli occhi di chi guarda, allora forse esistono tante bellezze quante sono le persone al mondo. Mihaela Noroc ha viaggiato per oltre 50 paesi per documentare con la sua macchina fotografica l’universo femminile.

Il risultato di questo progetto fotografico è un portfolio in divenire che raccoglie intensi ritratti di donne in vari luoghi del mondo.

Si chiama “The Atlas of Beauty”, letteralmente “l’atlante della bellezza”. Una bellezza che non è quella photoshoppata e a scopo di lucro delle modelle delle pubblicità. Né quella ipersessualizzata delle riviste patinate. E’ una bellezza genuina, reale, che a volte porta il velo, a volte gli abiti tradizionali della propria terra.

Mihaela è originaria di Bucarest, in Romania, ma ha trascorso gli ultimi tre anni della sua vita viaggiando. Figlia di un pittore, scopre la fotografia a 16 anni, ma questa resta a lungo soltanto una passione. A 27 anni, decide di lasciare il lavoro per vivere di viaggi e fotografia, investendo tutti i suoi risparmi. “Mi vedo come una donna assolutamente normale – racconta di sé nella biografia del sito di The Atlas of Beauty – con alti e bassi. Mi impegno per realizzare il mio sogno e, per caso, questo sogno è molto apprezzato dai mass media. Ma ci sono milioni di donne al mondo che faticano ben più di me per i loro obiettivi. Spero di riuscire a fotografare alcune di loro per il progetto. Catturare la loro bellezza esteriore e interiore, mostrare loro quanto sono speciali”.

13412000_1130277020347024_6425999098967032307_o

Mihaela Noroc

Un viaggio fotografico a caccia di sguardi: la bellezza non ha etnia.

“The Atlas of Beauty è un progetto sulla diversità del mondo mostrata attraverso ritratti di donne. Da circa 3 anni viaggio con il mio zaino e la macchina fotografica. In questo viaggio fotografo donne al naturale circondate dal loro ambiente quotidiano”. Il progetto ha acquisito fama e apprezzamento in tutto il mondo. Gli utenti Facebook, Tumblr, e Instagram non fanno mancare il loro supporto alle sue pagine. Ma anche la Cnn, la BBC, The Guardian e Huffington Post hanno dato spazio al suo progetto.

“Mentre viaggiavo per il mondo – racconta Mihaela – mi sono accorta che ogni paese rivela molte più diversità di quanto si immagini, in termini di persone. A volte immaginiamo che tutti gli scandinavi siano biondi con gli occhi azzurri. E che tutti i turchi abbiano capelli molto scuri e occhi castani. Il peggio è che portiamo con noi questi pregiudizi, valutando le persone come buone o cattive solo in base alla loro nazionalità ed etnia”.

“Ho fotografato donne in molti paesi musulmani e ho scoperto molte più differenze rispetto agli stereotipi dei media. Viaggiando in alcune zone di conflitto ho capito che non è la religione, il colore o l’etnia a scatenare guerre e intolleranze. E’ l’ego e l’avidità di un piccolo gruppo di persone. Questi fanno di tutto per provocare odio nella gente comune e farci entrare in guerra”.

10547888_856761404365255_9030152281301503733_o

10631304_1065294260178634_7077094646145240300_o

11150602_893292160712179_2059115351405521114_n12068432_982388698469191_8889978369371556513_o

11731573_937939502914111_2825016148212398366_o

11222163_911777072197021_7769596701890339726_o

12307955_1010370805670980_132170369882620983_o

11536416_924106680964060_3460009686540757169_o

13087576_1103110473063679_6424391353026338764_n

13701162_1167243773317015_6093138187735162394_o

12466121_1033550073353053_5070279548689973807_o

12489466_1029671280407599_5452374911566291866_o13680144_1160502130657846_6975690728539667411_o

(Foto copyright: Mihaela Noroc, The Atlas of Beauty)


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.

Leave A Reply