Com’è bello e poetico pensare che ogni parte del mondo, in ogni città e tempo, in guerra e in pace, ci sia sempre qualcuno che legge.

Il nuovo libro del fotografo statunitense Steve McCurry rende omaggio alla lettura con una raccolta di scatti da oltre trent’anni di viaggi. Si intitola Leggere e in Italia è edito da Electa. Un tributo alla parola scritta, con introduzione di Paul Theroux.

Steve McCurry non ha bisogno di presentazioni. Ha viaggiato a lungo e pubblicato diversi libri con le sue fotografie. E’ famoso soprattutto per il ritratto di una giovane ragazza afgana dallo sguardo intenso. L’idea di questo portfolio sulla lettura nasce da un’aforisma di Victor Hugo:  “Imparare a leggere è come accendere un fuoco; ogni sillaba scandita è una scintilla”.

steve_mc_curry4

Le foto di McCurry parlano dunque dei libri come compagni di viaggio, strumenti di apprendimento unici nel corso dell’esistenza, ad ogni età e in ogni latitudine. Sì, perché siamo fatti, in parte, dei libri che abbiamo letto. Di quelli che ci hanno fatto dannare a scuola, di quelli che ci hanno tenuto compagnia nei momenti difficili. Di quelli che abbiamo amato, riletto, regalato. Di quelli che abbiamo dimenticato ma che ci hanno lasciato un’impressione profonda.

Steve McCurry con questa raccolta rende omaggio anche ad un altro fotografo, l’ungherese André Kertész, anch’egli affascinato dal mondo dei lettori. Anche Kertész, come McCurry, viaggiò per il mondo e fotografò molto, sempre però prestando particolare attenzione alle persone che leggono. Nei suoi scatti in bianco e nero si osservano giovani, adulti, uomini, donne, intenti a leggere, di preferenza all’aperto, per la strada.

Nelle fotografie di Steve McCurry dedicate alla lettura c’è un uomo con un turbante in un mercato che legge, un tassista indiano appoggiato al suo veicolo che legge, una ragazza in una stanza forse d’albergo che legge, una donna in una biblioteca dalle pareti tappezzate di libri, che, di nuovo, legge. Migliaia di chilometri li separano, tutti sono immersi nella stessa attività. Non conta la cultura, la religione, la posizione geografica, in ogni dove l’uomo ha sempre avuto un debole per le storie.

steve_mc_curry5

Siamo i libri che leggiamo, dunque. Daniel Pennac disse che un libro ben scelto salva da qualsiasi cosa, perfino da sè stessi. Per Virginia Woolf la felicità è poter leggere senza interruzioni. Sempre Daniel Pennac, un po’ per scherzo e un po’ sul serio, un giorno stese i dieci diritti del lettore. Quello di non leggere, di saltare le pagine, di non finire il libro. Di rileggere, di leggere qualsiasi cosa. Forse quello più bello tra i dieci è il settimo, il diritto di leggere ovunque. Che sia in casa, in libreria o per la strada, come raccontano queste foto di McCurry. Perchè, come si usa dire, chi non legge vive una sola vita. Chi legge vive milioni di vite.

burma

steve_mccurry-leggere

_2SM5531; Folingno, Umbria, Italy; 06/2012; Sculpture â??Calamita Cosmicaâ? by Gino Dedomincis; Ss.ma Annunziata e Trinita, ITALY-10406. A woman sits in front of a large sculpture. retouched_kate

stevemccurry2

Foto Steve McCurry


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale o attiva le notifiche push per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.