Quando i social networks invadono la sfera privata.

Essere presenti sui social è il primo “passo” per far sapere i fatti nostri agli altri, sia che siamo personaggi pubblici oppure no. Per quanto possiamo restringere le visualizzazioni di alcuni post limitando l’accesso alla nostra vita virtuale a “pochi intimi”, una volta che un’informazione o un’immagine entrano nell’etere della rete c’è poco da fare: quel post per vie dirette o traverse si sparge in modo più o meno capillare.
Così succede che chi vede ciò che ti riguarda, si sente in diritto di giudicarti e giudicare la tua vita e spesso non è solo del sano gossip, ma cattiveria che sovente scaturisce dall’invidia.

Caso recente di becero chiacchiericcio è di sicuro la lovestory tra la fashion blogger Chiara Ferragni e il rapper Fedez. Cosa c’è di strano che due persone apparentemente così diverse tra loro provino in realtà un amore sincero? E se tra qualche mese si lasceranno poco importa, vuol dire che qualcosa non è andato, ma ogni relazione che nasce tra personaggi noti non dev’essere sempre necessariamente una trovata pubblicitaria.
Oppure basta che due si incontrino la sera in un bar e subito scattano titoli sui giornali di gossip del tipo: “Tradimento”, “Nuova fiamma” e così via… che il problema di per sé non è il titolo sul giornale, ma scompigli che rischia di creare, soprattutto nel caso in cui la notizia sia montata.

14582434_196707884097772_4649709217869987840_n

Vorrei, ma non posto… che forse è meglio.

E’ quasi normale che molti di noi utilizzino i social networks per sfogarsi, esprimere disappunto, gioie e dolori. Insomma sono una sorta di diario personale virtuale alla mercé dei più.
Il problema è quando uno status, un tweet o una foto vengono mal interpretati e si utilizzano come pretesto per lavare i panni sporchi in pubblico o accusare ingiustamente qualcuno.
E’ davvero tutto così necessario? Non si può più semplicemente risolvere le incomprensioni privatamente, per messaggio, per telefono o meglio ancora davanti ad un caffè? no, forse è meglio una camomilla, che, se la situazione dovesse degenerare, il caffè potrebbe creare reazioni poco controllate.

Ok, se si decide di entrare a far parte dei social bisogna anche accettare un po’ il gioco e subire (ma non troppo) le conseguenze, ma non è neanche corretto tacere se si viene attaccati o ingiustamente offesi.
Come tutte le cose anche i social networks hanno l’altra faccia della medaglia, ma tutto questo accanimento, questa invidia, crudeltà e serie di bugie che si generano sono davvero necessarie? Non sono forse un po’ (troppo, eh si, questa volta ci sta) ingiuste?
Si sta diffondendo sempre più il “gruppo degli haters“: persone che probabilmente passano giorni a cercare post sui social da avvelenare con commenti spesso aggressivi, violenti, maleducati e contrari a priori, mostrando un costante atteggiamento di disprezzo, invidia e provocazione verso personaggi più o meno noti e anche persone comuni. Di esempi se ne potrebbero fare davvero tanti.

Possibile che il web debba mostrare solo questo? Possibile che sui social prevalgano spesso e volentieri l’invidia e la cattiveria?
Credo che il mio punto di vista in questa situazione sia chiaro e che i santi stanno solo in paradiso, né sulla terra e né sui social, ma sicuramente se il diavolo sta all’inferno, le arpie sono anche sulla terra!

14473946_1683460128639102_4036496056752537600_n


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Classe 1984, calabrese di origine, ma brianzola di adozione. Segni particolari? Sono dei gemelli e questo basta e avanza! Odio: annoiarmi, le persone negative, la tristezza e la cattiveria gratuita. Amo: il mare, il sushi, la pizza, il tiramisù e in generale il buon cibo... e, ahimè, si vede! Amo leggere storie romantiche che mi fanno sognare ad occhi aperti, ballare, cucinare e gli animali, in modo particolari i cani. Sono un’eterna e inguaribile romantica, ho un animo rock, ma impazzisco per il tulle, le gonne midi, soprattutto se sono vaporose e i tacchi alti, anche se per comodità indosso spesso le sneakers. Parlo tanto, anzi tantissimo... parlo anche con i muri. Ah, di conseguenza scrivo anche tanto. Mi sono laureata in Comunicazione di Massa Pubblica e Istituzionale nel 2011; la mia passione per la moda mi ha portato ad aprire un blog nel 2013: The Shade of Fashion, il mio angolo personale sul web. Piena di energia, per me le cose sono o bianche o nere, le mezze misure il più delle volte non esistono. Io sono così, o mi si ama o mi si odia! Il dilemma è: "mi amerete o odierete?".

Leave A Reply