Maria Grazia Chiuri è il nuovo direttore creativo di Dior.

Nuovi amori iniziano spesso dopo grandi divorzi: è il caso di Maria Grazia Chiuri, che dopo 26 anni lascia Valentino Garavani per prendere il posto di Raf Simons da Dior.
Lei, che per tutti questi anni ha lavorato sempre a fianco del suo fedele compagno di lavoro Pier Paolo Piccioli, prima da Fendi e poi da Valentino, è pronta per intraprendere questo nuovo percorso alla Maison parigina Dior.
Prima donna italiana a ricoprire il ruolo di direttore creativo di Dior, si occuperà della collezione accessori, prêt-à-porter e haute couture a partire da settembre.

Fendi, Valentino e Dior.

Maria Grazia Chiuri, oggi 50 anni, dopo il diploma allo IED di Roma, viene assunta da Fendi nel 1989 per occuparsi del reparto accessori, sperimentando nuove forme e materiali e facendo innamorare moltissime donne.
Nel 1999 Valentino Garavani chiama personalmente la Chiuri e Piccioli per occuparsi degli accessori: la fortunatissima linea Rockstud, che noi tutte abbiamo amato e sognato, è stata proprio una creazione del duo Chiuro-Piccioli.
Nel 2008 Chiuri e Piccioli sono diventati i direttori creativi della Maison Valentino, preceduti da Alessandra Facchinetti, figlia del cantante Roby Facchinetti dei Pooh, nonché sorella di Francesco Facchinetti.
Grazie a questo lavoro a quattro mani, nel 2015 la maison Valentino ha avuto un’incredibile ascesa, fino a superare il miliardo di euro di fatturato in un anno.

Maria Grazia Chiuri e una nuova avventura tutta parigina.

Dopo il vociferare dei mesi scorsi, finalmente il 7 Luglio da Parigi arriva la conferma ufficiale: Maria Grazia Chiuri, dopo 17 anni da Valentino, lascia la griffe italiana per intraprendere un nuovo percorso nella Maison parigina di Dior.
Pier Paolo Piccioli verrà nominato da Valentino unico direttore creativo.
Alla guida di Dior, dopo Monsieur Dior abbiamo avuto Yves Saint Laurent, Marc Bohan, Gianfranco Ferrè, John Galliano e infine Raf Simons, che è rimasto alla direzione artistica della griffe parigina solo 3 anni.
Alcune voci sostengono che con Raf Simons il fatturato di Dior non abbia avuto una grande crescita, altri danno la colpa al fashion system che negli ultimi è notevolmente cambiato, fatto sta che la speranza della casa di moda francese è quella che M.me Chiuri risollevi Dior come ha fatto con Valentino, confidando nel suo stile classico, elegante, ma proiettato verso il futuro.

165204505-4d9605b4-b242-42ab-b8bf-066bab274108www.agi.itMaria Grazia Chiuri, Fendi Cocktail Party a Palazzo Carpegna - Rome; 90° anniversario FendiGettyImages

maria grazia chiurid.repubblica.it

Ph. Credit Cover: GettyImages


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale o attiva le notifiche push per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Classe 1984, calabrese di origine, ma brianzola di adozione. Segni particolari? Sono dei gemelli e questo basta e avanza! Odio: annoiarmi, le persone negative, la tristezza e la cattiveria gratuita. Amo: il mare, il sushi, la pizza, il tiramisù e in generale il buon cibo... e, ahimè, si vede! Amo leggere storie romantiche che mi fanno sognare ad occhi aperti, ballare, cucinare e gli animali, in modo particolari i cani. Sono un’eterna e inguaribile romantica, ho un animo rock, ma impazzisco per il tulle, le gonne midi, soprattutto se sono vaporose e i tacchi alti, anche se per comodità indosso spesso le sneakers. Parlo tanto, anzi tantissimo... parlo anche con i muri. Ah, di conseguenza scrivo anche tanto. Mi sono laureata in Comunicazione di Massa Pubblica e Istituzionale nel 2011; la mia passione per la moda mi ha portato ad aprire un blog nel 2013: The Shade of Fashion, il mio angolo personale sul web. Piena di energia, per me le cose sono o bianche o nere, le mezze misure il più delle volte non esistono. Io sono così, o mi si ama o mi si odia! Il dilemma è: "mi amerete o odierete?".