Inaugura a Maranello la mostra dedicata ai 50 anni di Michael Schumacher.

Mostre celebrative sono solite essere dedicate ai miti del passato, glorie di epoche ormai trascorse figlie di sogni ormai superati. “Michael 50” vuole invece raccontarci la storia di un mito vivente del motorsport, una leggenda che torna inesorabile nei ricordi di chi ha vissuto la Formula 1 tra gli anni ’90 e 2000.  Tantissimi i tifosi e gli appassionati dei Ferrari Club di tutta Europa che sono accorsi il 3 gennaio al Museo Ferrari di Maranello per l’apertura della mostra “Michael 50”, inaugurata in occasione del compleanno del campione. L’omaggio a Michael Schumacher per i suoi 50 anni prende forma in una mostra speciale che racconta la sua straordinaria carriera e i suoi record ineguagliati nella storia della F1: 7 titoli mondiali, 91 vittorie, 155 podi.

Mostra Michael 50, museo ferrari, maranelli. Michael Schumacher, Scuderia Ferrari

Credits: www.musei.ferrari.com

La Sala delle Vittorie espone alcune delle monoposto Ferrari più importanti tra quelle guidate nei suoi undici anni con la Scuderia. Dalla F310 del 1996, con la quale Schumacher vinse tre GP nella sua prima stagione con il Cavallino Rampante, alla F399 che permise al team più longevo nella storia della Formula 1 di aprire nel 1999 un eccezionale ciclo vincente con la conquista del titolo Costruttori. È presente anche la F1-2000 della leggendaria “Alba Rossa”, quando a Suzuka Michael tornò a conquistare il titolo mondiale a 21 anni di distanza da Jody Scheckter. Non potevano mancare la F2002 e la F2004, le vetture dei record, e la 248 F1 del 2006, con cui conquistò in Cina la sua ultima vittoria, la numero 72 con la Ferrari.

Mostra Michael 50, museo ferrari, maranelli. Michael Schumacher, Scuderia Ferrari

Credits: www.musei.ferrari.com

Gli appassionati avranno anche modo di scoprire un lato meno conosciuto di Michael Schumacher, quello di sviluppatore. Dopo avere lasciato la Formula 1, infatti, il campione di Kerpen rimase in Ferrari non solo per aiutare la Scuderia ma anche per contribuire alla messa a punto di alcune vetture stradali, come la 430 Scuderia del 2007 e la Ferrari California del 2008. “Michael 50” è organizzata in collaborazione con la Fondazione Keep Fighting, che ha anche creato un’applicazione nella quale è possibile trovare curiosità, dati statistici, foto e video sulla straordinaria carriera di Michael Schumacher. L’esposizione, che sta riscuotendo grande successo, affianca le mostre già presenti al Museo di Maranello, “Driven by Enzo” e “Passion and Legend”.

Mostra Michael 50, museo ferrari, maranelli. Michael Schumacher, Scuderia Ferrari

Credits: www.musei.ferrari.com


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.