PUBBLICITÀ

 

Avere capelli morbidi, lucenti, curati e soprattutto sani oggi si può: come? Basta eliminare (o ridurre) l’elemento che fino ad oggi credevamo insostituibile.

Nell’ultimo periodo sono state sempre di più le celebrità di Hollywood che hanno deciso di apportare dei significativi cambiamenti nella loro beauty routine quotidiana.
Stiamo parlando della nuova moda che negli ultimi anni ha trovato degli accaniti sostenitori non solo tra blogger, giornaliste di moda e beauty, ma anche tra celebrities del calibro di Adele, Gwyneth Paltrow e Brad Pitt, che, udite udite, hanno fatto propria una cura/non cura impensabile: lavare i capelli con poco o addirittura zero shampoo.

Stiamo parlando della corrente NO POO, in cui “poo” è appunto l’abbreviazione di shampoo, la schiuma detergente che tutti utilizziamo per rimuovere lo sporco dai capelli.
Questa corrente prevede l’eliminazione definitiva di shampoo, schiume e prodotti affini e di conseguenza di alcuni dei loro tensioattivi aggressivi, il Laurilsolfato di sodio e il Sodium laureth sulfate.

Entrambi danneggiano in egual misura e importanza, non solo l’ambiente ma anche il cuoio capelluto ed il follicolo, inibendo in questo modo la produzione di alcuni oli da parte della cute che nel momento in cui si sente sotto pressione, produce più sebo e ingrassa i capelli.

In realtà possiamo parlare anche di LOW POO poiché in alcuni casi lo shampoo non viene eliminato del tutto ma viene usato in minore quantità o sostituito da altri rimedi, a secco o sotto l’acqua.

Non ci credete?

Abbiamo proprio il caso di Adele che avrebbe deciso di cambiare la natura delle sue abitudini, smettendo di utilizzare shampoo e prodotti contenenti solfati e avrebbe trovato la sua chioma rinforzata e nutrita, eliminando definitivamente l’utilizzo di parrucche.

Simile al no poo e al low poo è il CO-WASH ossia “washing”, il lavaggio dei capelli con i “co” conditioner cioè i condizionanti presenti in balsami e creme per capelli. In questo caso il capello viene idratato senza subire ulteriore stress.
È il caso dei “capelli afro” che risultano difficili da trattare proprio perché sono crespi e molto deboli.

(Il riccio afro di Solange Knowles, sorella di Beyonce Knowles)

D’altronde sappiamo tutti che esistono svariate alternative al consueto shampoo, come il bicarbonato di sodio, l’aceto di mele usato spesso da Jessica Alba, la quale nel suo libro The Honest Life raccomanda di risciacquare la cute con aceto di mele ogni settimana per eliminare i residui chimici degli shampoo e di effettuare anche un massaggio su di essa per liberarsi della forfora.
L’olio di cocco assicura Khloé Kardashian funziona come una maschera express naturale, favorendo l’idratazione del capello dall’interno. In merito ha affermato: “Ho massaggiato l’olio di cocco sulle radici per qualche mese e vi do la mia parola che i capelli sono molto più morbidi e forti adesso”.
Sono tutti rimedi naturali e fai-da-te su cui poter optare in base alle proprie necessità.

Tutto questo sembrerebbe spronarci a dire addio ai nostri classici, e diciamolo, confortevoli shampoo che fanno tanta, troppa schiuma anche se in fin dei conti, per chiunque di noi, è sempre stato molto semplice e comodo utilizzarli e distribuirli sulla chioma.

Siete ancora perplessi??

Certo, i risultati sono differenti e soprattutto le opinioni variano da persona a persona.
Molte blogger hanno dichiarato di aver trovato il rimedio giusto e definitivo ai loro “problemi” di bellezza, altre sono ancora dubbiose e incerte sull’effetto desiderato, ma perché non provare, ancor di più se sotto consiglio di noti hairstylist?

La comodità è soprattutto il fatto di poter ridurre tutta la procedura del lavaggio dei capelli ad un solo ed unico step e l’idea di accorciare i tempi e risparmiare su tutti i fronti, è molto interessante. Potrebbe essere una svolta positiva nel mondo dell’hairstyling.

Allora non ci resta che provare per credere, no?!


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

“Il peccato capitale non è essere vestito male, è indossare la cosa giusta nel posto sbagliato.". Lo ha detto Edith Head, celebre costumista americana con più Oscar in tasca di chiunque altro e sono fermamente convinta che abbia ragione, credo che questo dovrebbe diventare un po' il mantra della vita…almeno lo è della mia. Sara, 24 anni, ex studentessa per ora, parlo tre lingue, faccio di tutto e di più perché non posso stare ferma e la mia passione più grande è da sempre la MODA e tutto ciò che la riguarda. Amo i viaggi, un tramonto sul mare, i posti da scoprire, il sole, cantare a squarciagola in macchina, la buona cucina di mia nonna. Amo l’amore. Amo scrivere, a volte non riesco a smettere. Cinepatica, datemi un titolo e vi dirò chi siete. Anima wanderlust. Perfezionista, spendacciona, romantica e innamorata del mio John Smith. Attenta osservatrice, i dettagli fanno la differenza. Sempre pronta sulle nuove tendenze. Credo che lo shopping sia la miglior terapia al mondo. Collezionista compulsiva di scarpe e occhiali da sole. Non esco mai senza i miei cat-eye neri. Non so ancora chi diventerò nella mia vita ma so solo che qualunque cosa farò ci metterò sempre dedizione e tanta tanta PASSIONE.