Nel quartiere CityLife di Milano apre lo shopping center urbano più grande d’Italia.

Il countdown è ormai terminato. Domani, giovedì 30 novembre, aprirà i battenti a Milano il CityLife Shopping District. La giornata inaugurale, che avrà inizio alle ore 9, sarà ricca di eventi ed intrattenimento, per culminare tra le 19 e le 22 con uno show di luci laser che illuminerà la Torre Generali progettata dallo studio Zaha Hadid Architects. Cento esercizi commerciali su 32mila metri quadri presente nel padiglione ai piedi del grattacielo, confermano l’importanza della trasformazione urbana che sta cambiando il volto della zona della vecchia Fiera. Il CityLife Shopping District si aggiungerà alla già citata Torre Generali, alla Torre Allianz e alle residenze Hadid e Libeskind e tutte le altre strutture realizzate dal 2009 ad oggi.

CityLife Shopping District

CityLife, rendering del masterplan – Credits: www.city-life.it

Lo spazio che inaugurerà sarà dedicato allo shopping, al lifestyle, alla ristorazione, ai servizi, al tempo libero e all’intrattenimento e sarà il più grande centro commerciale urbano d’Italia. Il CityLife Shopping District è suddiviso in tre aree principali: il Mall chiuso e climatizzato su due livelli progettato dallo studio Zaha Hadid Architects che ospiterà negozi, ristoranti e Citylife Spaziocinema, il multiplex frutto del sodalizio con il Cinema Anteo, dotato di sette sale con una capienza complessiva di 1200 posti; una piazza centrale all’aperto circondata da unità retail e servizi, progettata da One Works; una galleria commerciale, sempre open air, che ricorda una via dello shopping milanese, firmata dallo studio Mauro Galantino.

CityLife Shopping District

Torre Generali e Shopping District, rendering esterno – Credits: www.city-life.it

Se il supermercato che rappresenta il cuore commerciale del District occupa 1200 metri quadrati, l’area food ne copre 3500. Qui trovano spazio le più varie insegne: si va dalla cucina giapponese alle pizzerie, dai negozi di pesce e alle paninerie. Ma l’area food non sarà concentrata unicamente sul cibo: la zona centrale ospiterà eventi e attività di entertainment lungo l’intero arco della giornata, dalla mattina fino a dopo cena. In tema di shopping, il numero di insegne e di marchi è abbondante e va dall’abbigliamento ai droni, dal benessere alla bellezza. Il centro commerciale è servito dalla Linea Lilla (M5) della metropolitana (fermata Tre Torri), ma dispone anche di un parcheggio interrato da 1700 posti.

CityLife Shopping District

Shopping District, rendering interno – Credits: www.city-life.it

Correte a curiosare sul SITO UFFICIALE del CityLife Shopping District!


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.