Con la sua ricerca, Lucio Fontana ha oltrepassato i limiti tradizionali dell’idea di spazio pittorico inteso in termini fisici e concettuali, anticipando molte delle tendenze future. Dal 21 settembre 2017 al 25 febbraio 2018, presso il Pirelli HangarBicocca sarà visitabile la mostra “Lucio Fontana. Ambienti/Environments“, a cura di Marina Pugliese, Barbara Ferriani e Vicente Todolí. Per la prima volta dopo la sua scomparsa saranno presentate al pubblico le installazioni ambientali realizzate dall’artista, in passato distrutte dopo la loro esposizione e oggi ricostruite attraverso accurate ricerche d’archivio.

lucio fontana

Lucio Fontana, 1899-1968.

La mostra, realizzata in collaborazione con la Fondazione Lucio Fontana, raccoglie nello spazio delle Navate di Pirelli HangarBicocca dieci ambienti, creati da Fontana tra il 1949 e il 1968 per istituzioni e musei italiani ed internazionali. Gli Ambienti spaziali sono le opere più sperimentali e meno note di Lucio Fontana, proprio per la loro natura effimera. Alcuni degli ambienti esposti sono stati ricostruiti per la prima volta dalla scomparsa dell’artista grazie allo studio e alle ricerche della storica dell’arte Marina Pugliese e della restauratrice Barbara Ferriani e al contributo della Fondazione Lucio Fontana.

lucio fontana

Struttura al neon per la IX Triennale di Milano – 1951. Tubo di cristallo con neon bianco.
© Fondazione Lucio Fontana, Milano.

La ragione storica della mostra risiede nell’importanza degli “Ambienti”, un gruppo di lavori consistente e poco conosciuto, che, tuttavia, insieme ai Concetti spaziali, i cosiddetti “Buchi” e “Tagli”, rappresenta una rottura con le forme tradizionali della scultura e della pittura da parte di Lucio Fontana, anticipando le ricerche di artisti e movimenti della generazione successiva, dal Gruppo T a Yves Klein al Gruppo Zero”, spiega Vicente Todolí, Direttore Artistico di Pirelli HangarBicocca e co-curatore della mostra. “Esiste, inoltre, una ragione contemporanea: la ricerca sugli ‘Ambienti’ entra in dialogo con l’opera di molti artisti che hanno esposto in Pirelli HangarBicocca.

lucio fontana

“‘Concetto Spaziale, Attese” , 1966. Christie’s Auction House, London 2012.

Il visitatore avrà quindi l’opportunità di osservare e fruire per la prima volta le opere meno conosciute di Lucio Fontana, di riscoprirne l’importanza storica e allo stesso tempo di coglierne la contemporaneità e la forza innovativa attraverso un allestimento inedito. Il Catalogo, pubblicato in concomitanza con la mostra ed edito da Mousse Publishing, presenta gli esiti più recenti della ricerca sul tema degli ambienti con un ampio apparato iconografico e testuale. L’evento di apertura avrà luogo oggi, 20 settembre 2017, alle ore 19.00. Per info ed orari consultare il sito ufficiale del Pirelli HangarBiccocca.

Hangar Biccoccola

Pirelli HangarBicocca, Milano.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Il mio nome è Alessio, ma per i più sono Gillo. Nato in Brianza nel 1988, sono per metà pugliese. Ho un carattere risoluto e spesso odio le mezze misure, ma ciò non mi impedisce di essere sempre disponibile verso tutti. Sono tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore) e credo che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Ho molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design mi ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ho esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società che ho aperto con mio fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), in genere mi ha portato ad essere un gran osservatore e sviluppare un forte occhio critico. Cerco di dare molto valore al tempo, soprattutto perché è il più grande strumento di democrazia essendo, per natura, uguale per tutti.