Diciamoci la verità, tutti hanno provato a giocare a Candy Crush Saga almeno una volta. E tra chi ha continuato e chi ha smesso, comunque lo ha fatto diventare uno dei videogiochi per smartphone e Facebook più popolare di tutti i tempi. Battendo anche Farmville che per lungo tempo non ha avuto rivali. E cosa succede quando un gioco fa così tanta tendenza? Che anche i grandi brand, piaccia o non piaccia il soggetto, gli dedicano una capsule collection. L’applicazione più scaricata di sempre diventa moda a tutti gli effetti. Ma prima di scoprirla andiamo con ordine.

Cos’è Candy Crush Saga

In poche parole è un classico puzzle game in cui, all’interno di una griglia, bisogna allineare un minimo di tre dolcetti dello stesso colore. In questo modo scoppiano e ci fanno guadagnare punti che ci consentono di passare al livello successivo. Le mosse possono essere orizzontali o verticali. Ma ovviamente non è così facile come sembra. Via via che si sale di livello ci vengono dati degli obiettivi diversi da raggiungere e in ogni schema cominciano ad aumentare gli ostacoli da superare. Da buona nerd quale sono, ci gioco praticamente da quando è uscito e sono al livello 1855. Però, per quanto lo ritenga il mio passatempo preferito insieme al burraco online, da qui a l’indossare un capo a sua immagine e somiglianza ce ne corre. A quanto pare non per Moschino.

Moschino Candy Crush capsule collection

Sono quattro gli articoli proposti da Moschino per questa capsule collection. Una linea moda primavera estate interamente dedicata a Candy Crush. Un costume intero donna, un costume boxer maschile, una cover per smartphone e uno zaino. Grazie al cielo hanno avuto il buon gusto di non proporre un abito da sera ma articoli da un certo punto di vista anche simpatici. Adatti a questa, come dire, fantasia. Personalmente sono un po’ perplessa sulla riuscita di questa collezione. Ma si sa, quando si parla di fan sfegatati tutto è possibile. Sicuramente Moschino si sarà fatto i suoi bei conti in tasca prima di “pensarla” e lanciarla.

Moschino Candy Crush capsule collection.

http://www.moschino.com

Da tutto questo poi è nata la mia curiosità generale. Cercando su Google ho scoperto che a quanto pare Moschino non è stato il primo in materia. Che dire, se la prova costume incombe e dobbiamo rinunciare a mangiare dolcetti tanto vale farci passare la voglia indossandoli. Voi cosa ne pensate? Preferite Candy Crush rimanga un gioco fine a se stesso o l’idea sia diventato anche un fenomeno di moda vi piace? Come sempre, ai posteri l’ardua sentenza.

Candy Crush fashion collection.


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Nome di battesimo Luna Andrea Camisa, classe ’82, milanese purosangue e toscana di adozione. Moglie e mamma a tempo pieno e blogger a tempo perso. Altamente asociale e tremendamante socievole ascolto tutti ma parlo con pochi. Responsabile di quello che scrivo ma non di quello che la gente vuole capirci mi diletto di argomenti come moda, buone maniere, tecnologia e nerditudine in genere. Nel mio sangue scorre caffè, amo i tulipani bianchi, i dandelion, Sailor Moon, sono Apple dipendente e il mio amante segreto è Batman. Non mi prendo mai troppo sul serio e uso semplicemente leggerezza ed ironia per regalare sorrisi in un mondo che troppo spesso li spegne. Sostanzialmente non ho molto da offrire caratterialmente parlando. Un po’ d’irritabilità, permalosità quanta ne vuoi, gelosia più del dovuto, un pizzico di paranoia, immensa fragilità e tanto amore. Dei più veri. Qualcos’altro su di me? Bè, non credere a quello che ti dicono… In realtà sono molto peggio. ;) ... Ora sta a te, prendere o lasciare.

Leave A Reply