Quanto sangue freddo ci vuole per immortalare con uno scatto un leone mentre ti corre incontro? Decisamente parecchio. Ma il risultato, se ti chiami David Yarrow, è probabilmente sensazionale. Nato a Glasgow nel 1966, Yarrow è oggi uno dei fotografi più acclamati a livello internazionale. E’ famoso per le sue foto di paesaggi e animali selvatici, dell’Africa e non solo. Nella maggior parte dei casi, primi piani scattati in momenti in cui una qualsiasi altra persona probabilmente avrebbe pensato bene di scappare.

La post-produzione in bianco e nero, poi, catapulta l’immagine in una dimensione ancora più poetica e atemporale. Maestro nell’immortalare la fauna, soprattutto quella in via d’estinzione, Yarrow è oggi esposto nelle più importanti gallerie del mondo. Se siete appassionati di fotografia, è un nome che vale la pena di conoscere. Le sue opere sono ospitate in maniera permanente al Museo di storia naturale del Missouri. Le sue fotografie sono tra le più ricercate, le sue stampe vengono vendute con cifre da capogiro.

Nel 2015 Yarrow ha esposto alla  Kunsthuis Gallery ad Amsterdam, al museo Bührle di Zurigo e alla Rotella Gallery di New York. Ha firmato un contratto con la Rizzoli per la pubblicazione del volume ‘Wild Encounters’, che raccoglie i suoi scatti da sette continenti. David Yarrow è anche ambasciatore nel Regno Unito per la Nikon, la macchina con cui scatta le sue fotografie memorabili.

Dai grossi felini alla vita delle comunità indigene, dagli elefanti ai paesaggi della savana, Yarrow è ispirato da tutto ciò che è rimasto autentico e selvaggio. Il fotografo scozzese – oggi di casa a Londra – ha viaggiato da un polo all’altro, dalle tundre dell’Artico al deserto africano, per documentare ciò che vive ancora libero sulla Terra. Ciò che ora è a rischio di scomparire per sempre, perchè minacciato dallo sfruttamento e dalla globalizzazione fuori controllo. Parte dei proventi della vendita di “Wild Encounters” verranno devoluti alla Tusk Trust Charity a tutela dell’ambiente e della fauna selvatica.  A raccontare questa sua passione – che dura da oltre due decenni – sono i suoi stessi meravigliosi scatti.

981191_1057517194310278_4854925906562365283_o

11260494_1034218389973492_2423469903779277554_o

12657914_1017129701682361_2057014818519890987_o

12670121_1021578641237467_7467076079220951021_n

12783567_1034930823235582_1812763410671999195_o

12891113_1048060538589277_7850749486886544078_o

13041444_1070944389634225_3909525411115230544_o

13086968_1076698809058783_1724533844392100319_o

13173176_1080224985372832_6411445270368696367_o

Elefanti, David Yarrow

Photo credits: David Yarrow


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.