RUSSIA: TRA VERITA’ E LEGGENDE METROPOLITANE

I russi sono strani, non sorridono mai. I russi bevono tanto. In Russia fa sempre freddo e gli orsi passeggiano per strada. Ne abbiamo sentite di tutti i colori. Se per caso in questo periodo di vacanze avete deciso di far un viaggio in Russia, allora vi devo far conoscere qualcosa di questo meraviglioso Paese. E chi meglio di una russa può raccontarvi della Russia? Esistono tante leggende metropolitane a riguardo e proverò a smentirne alcune.

In Russia fa sempre freddo e tutti bevono

Non è assolutamente vero: chi ha studiato geografia sa benissimo che la Russia occupa la sesta parte del pianeta ed è estesa sia in latitudine che in longitudine, attraversando diverse fasce climatiche. Se l’estremo Nord è freddo, nelle regioni del sud ci sono temperature miti con quattro stagioni. In quest’area, bagnata dal mar Nero, l’estate è piuttosto calda, come nel sud Italia. Quindi, se partite per la Russia in estate, state tranquilli, si possono fare passeggiate con pantaloncini e magliette a manica corta. Un consiglio, se andate a San Pietroburgo, portate con voi un ombrello: lì il tempo cambia diverse volte al giorno.

Poi che dire, in Russia il consumo di alcool è paragonabile a qualsiasi altro paese. Ci sono persone che bevono e persone astemie. C’è da precisare che in Russia qualsiasi occasione è buona per fare un brindisi, questo sì. Ad esempio quando una persona compra un’auto nuova, quando nasce un bimbo, addirittura alla cerimonia funebre. Per non parlare dei matrimoni! Il neo di tutto questo è che, noi russi, non abbiamo il senso del limite. Finita una bottiglia, se ne apre un’ altra e così via, fino allo sfinimento e a volte.

I russi sorridono poco e sono superstiziosi

Si direi che i russi a volte sembrano molto seri e persino antipatici, non hanno quel calore e l’approccio facile con le persone, come ad esempio gli italiani. Ma vi assicuro, noi russi siamo molto ospitali, sappiamo divertirci, conosciamo tante barzellette e siamo di buona compagnia. Siamo anche molto generosi e, se entrate nelle nostre grazie, sappiamo anche volervi bene. Una volta presa confidenza, potrete scoprire che dietro quella freddezza e serietà si nasconde un animo sensibile ed un buon cuore.

Si è vero. I russi sono particolarmente superstiziosi, hanno un sacco di credenze, a volte assurde per gli Europei. Ad esempio: la bottiglia che viene svuotata durante i pasti non si lascia mai sul tavolo, si posa per terra (dicono che porti sfortuna), non fischiano mai in casa (dicono che fischiare porta via i soldi), non si siedono mai all’angolo di un tavolo (dicono che non ti sposerai mai). Se per caso si cambia casa, il primo ad entrare è un gatto, dicono che porti fortuna, ecc. Da vera russa, a volte anch’io, anche se ormai vivo in Italia da più di dieci anni, sono ancora un po’ superstiziosa. Ad esempio non pulisco mai le briciole dalla tavola con la mano, ma solo con lo straccio o la spugna… Porta sfortuna!

In Russia ci sono ragazze bellissime e niente altro

Si è vero. Siccome la Russia è un paese vasto e con numerose nazionalità, con una storia ricca di guerre, dominazioni e scorribande varie, si sono incrociate diverse etnie ed il risultato finale è proprio questo: bellissime ragazze dai lineamenti più vari. Non è vero che le russe sono tutte bionde ed alte, ci sono le more, le ragazze con gli occhi a mandorla e con lineamenti tipici caucasici. Una cosa è certa: la donna russa tiene molto all’aspetto fisico e alla cura della persona, manicure perfetta, capelli ben curati ed in perfetto ordine, in pratica, il culto della bellezza nel nostro paese è sacrosanto

Che in Russia non ci sia niente non è assolutamente vero. Anni fa, ai tempi del regime sovietico non si aveva uno sbocco verso l’esterno e c’era davvero poco. Fortunatamente i tempi sono cambiati e, anzi, si trova di tutto: boutique di lusso, ristoranti bellissimi, grandi centri commerciali, negozi specializzati in qualsiasi prodotto estero, con una vasta scelta di prodotti nei supermercati, come in qualsiasi paese europeo. La maggior parte dei supermercati o negozi alimentari restano aperti 7 giorni su 7, 24 ore su 24, si trova di tutto e di più. Un dettaglio: dopo le 22 è vietata la vendita di prodotti alcolici. In Russia infatti non esiste il limite del tasso alcolemico al volante e non è ammessa la guida in stato di ebbrezza.

In Russia si mangia male

Non direi che la cucina russa sia proprio salutare, infatti tanti piatti sono molto grassi e possono risultare pesanti per lo stomaco europeo. I russi mangiano tanta maionese, formaggio, pane e carne di maiale.

Un piatto da assaggiare assolutamente è il “Borsh”, una minestra a base di barbabietola, molto buona e ricca di fibre. In giro per le città troverete anche tanti fastfood, self-service con piatti tipici russi, mangerete davvero bene senza spendere tanto. Provate i “Pelmeni” (lontani parenti dei ravioli ma molto più grandi), i “Blini” (le crepes), assaggiateli con il caviale rosso o con la panna acida. E’ da tenere in considerazione che la panna acida è presente in tanti piatti, viene messa persino nel “Borch”, la minestra di cui vi ho parlato prima. Da assaggiare assolutamente i cetrioli sotto aceto e tanti piatti a base di crauti ed un altra delizia: caviale di melanzane.

Vi sono anche tante bevande, ad esempio il succo di betulla, “kvas” (una bevanda fresca a base di fermentazione di pane), “Kompot” (una bevanda dolce a base di frutti o bacche), preparata anche in casa, “Tarhun” (una bevanda gasata, di color verde acceso, a base di una pianta che proviene dall’Asia, molto buona e rinfrescante).

Ecco, queste sono le cose principali che volevo illustrarvi. Non dimenticate una cosa importantissima: se siete ospiti e siete invitati a casa di qualcuno, non arrivate mai a mani vuote… si porta una torta o una scatola di cioccolatini, una bottiglia di vino o qualsiasi bevanda alcolica. Quando entrate in casa di un russo, non dimenticate mai di togliervi le scarpe; sicuramente vi daranno un paio di ciabatte e vi sentirete un ospite importante. A tavola non ci sono regole ben precise come qui in Italia, le pietanze sono tante e diverse e si servono in un unico piatto. Si brinda spesso, si ride e si scherza!

Se per caso doveste incontrare un orso per strada, mi raccomando, salutatemelo!!

Borsch. Tipica monestra russaBorsch. Tipica monestra russa

Blini

Blini

Kvas

Kvas

Pelmeni

Pelmeni

Kompot

Kompot


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Kristina Raff Russa di origine, da 11 anni vivo in Italia. Da quando ho 18 anni giro il mondo, ho vissuto in 5 paesi diversi, parlo 5 lingue. Odio la routine, sono sempre in cerca di qualcosa di nuovo, le cose "normali" mi annoiano troppo. Amo viaggiare, scoprire nuove culture, adoro la buona cucina, la bella compagnia e il buon vino. Il mio segno zodiacale è il cancro... si sono lunatica, ma dolcissima. Il mio colore preferito è il turchese. Le mie passioni sono: la musica e la moda. Adoro cantare al karaoke e conosco un milione di canzoni in diverse lingue. Sono una fashion-addicted, non lo nascondo. Adoro vestirmi bene, distinguermi dalla massa. Come Carrie Bradshow impazzisco per le scarpe, non immagino la mia vita senza tacchi... Ho sempre avuto passione anche per la fotografia, amo fotografare streetstyle, e proprio grazie a questa passione che ho deciso di aprire il mio blog di moda, passando dall'altra parte dell' obbiettivo. Il mio blog si chiama Fashion Yums. Sono molto energica e curiosa, golosa delle nuove conoscenze e di nuove scoperte. Non sto mai ferma e ho tanta voglia di vivere. Il mio motto è "adesso o mai più"!

Leave A Reply