Dal 17 al 22 aprile Milano celebra il design in uno degli eventi più attesi dell’anno.

Achille e Pier Giacomo Castiglioni, Marco ZanusoGae Aulenti, Ignazio Gardella, Franco Albini, Aldo Rossi, Ettore Sottsass e Vico Magistretti, architetti milanesi di nascita o adozione, sono solo alcune tra le personalità che hanno contribuito a scrivere la storia del design italiano insieme a prestigiose aziende italiane come Alessi, Zanotta, Kartell, Cassina, Brionvega, Olivetti e tante altre. É grazie all’eredità che hanno lasciato nel ‘900 che, ormai da molti anni, Milano ha la possibilità di onorare il design nella kermesse più prestigiosa del settore. E come tutti gli anni è proprio il Salone del Mobile con il suo Fuorisalone a riportare questa città così frenetica in primo piano nel panorama internazionale del design industriale e dell’arredo.

Fuorisalone Milano Design Week

Il Salone del Mobile presso Rho Fiera – Ph. Credits: www.officinedasa.it

Tra il Salone del Mobile presso Rho Fiera e il Fuorisalone diffuso nei vari distretti del design, la città sarà letteralmente invasa di eventi mostre e installazioni dal 17 al 22 aprile. Cuori pulsanti saranno sicuramente il Brera Design District, un concentrato di piccole vie e creatività nel centro storico, e Via Tortona, zona che deve la propria fama proprio al Fuorisalone che ha costruito un’aura di mito attorno alle numerose aree industriali riqualificate come il celebre Superstudio Più. Sempre nel centro storico per il quinto anno si conferma in crescita il distretto 5vie, dove storiche botteghe artigiane, curiosi ateliers, showroom e innovativi concept stores si susseguono in posizione strategica nel crocevia più antico di Milano.

Fuorisalone Milano Design Week

Ingresso di Superstudio Più in via Tortona – Ph. Credits: www.artribune.com

Sempre nel centro non mancheranno le scintillanti vetrine degli showroom e le corti di Via Durini in zona San Babila mentre, spostandosi verso Porta Venezia troveremo numerose installazione ricavate negli storici palazzi signorili milanesi, E poi una serie di nuovi distretti in costante crescita anno dopo anno, come quello in zona Porta Romana e nel quartiere Porta nuova Isola, in continua crescita parallelamente al rinnovamento urbano che quest’area sta vivendo da circa dieci anni a questa parte. Altro distretto interessante è quello di Lambrate e via Ventura, ambienti urbani periferici fino a poco tempo fa ignorati, nei quali sono nati spazi davvero interessanti e più accessibili anche ai giovani come quello di Fuorisalmone.

Fuorisalone Milano Design Week

Mappa dei distretti del design – Credits: www.fuorisalone.it

Nel Fuorisalone non mancheranno le feste. Una di queste sarà anche itinerante, partendo da piazza Castello per invadere le “5vie” e giungere in Piazza Affari mercoledì 18. Al Palazzo dell’Arte della Triennale il museo del design si potrà visitare giorno e notte, insieme alle numerose mostre inaugurate per l’occasione. Di grande Interesse sarà “Store. Il design italiano”, inaugurata per l’occasione il 14 aprile e che racconta la storia del design italiano attraverso 180 pezzi iconici del ‘900. Le Cannibale organizzerà in questa prestigiosa location il Party di chiusura della Triennale Design Week, un evento che trasformerà il Giardino della Triennale nel teatro dell’ultima grande festa del salone del mobile insieme al Party ufficiale di Piazza Castello di domenica 20.

Fuorisalone Milano Design Week

STORIE. IL DESIGN ITALIANO – Museo del Design al Palazzo della Triennale – Credits: www.triennale.org

Per tutte le info sui numerosi eventi organizzati, visitate il SITO UFFICIALE DEL FUORISALONE!


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.