PUBBLICITÀ

 

Milano, città della moda, del Duomo e della movida glamour. Ma Milano è anche un panorama enogastronomico che si rinnova continuamente, con un’offerta culinaria ricca per tutti i palati e per tutte le ore della giornata. Mangiare a Milano è un’esperienza divertente: ecco alcuni consigli sui i bar e ristoranti più golosi, per ogni orario del giorno.

Colazione alla Pasticceria Prada Marchesi

Basteranno gli interni in color verde pastello a farvi innamorare di questa pasticceria. La nuova Pasticceria Prada Marchesi, situata in Galleria Vittorio Emanuele a Milano, è il nuovo fiore all’occhiello delle Pasticcerie Marchesi. Il locale, scandito da finestre ad arco che affacciano sulla galleria, è una magia di colori e profumi golosi, a metà tra una scenografia di Wes Anderson e una di Sofia Coppola (quella di Marie Antoinette, per intenderci). Concedetevi una colazione principesca, in un’atmosfera ottocentesca, tra caffè, torte dai colori pastello, i panettoni milanesi come la tradizione comanda, croissant di tutte le dimensioni, cioccolatini e paste.

Pasticceria Prada Marchesi a Milano

Pasticceria Prada Marchesi a Milano

Pranzo con vista da Obicà Milano

Per pranzo ci spostiamo di poco: all’ultimo piano del palazzo della Rinascente di piazza Duomo, con vista panoramica sulle guglie gotiche dalla terrazza, ecco l’Obicà Mozzarella Bar, la tappa perfetta per una pausa gustosa e raffinata, all’insegna dei sapori mediterranei. Nei piatti del menù troverete la migliore mozzarella di bufala campana abbinata a prodotti di aziende agricole artigianali, sapori gustosi e genuini della tradizione italiana in pieno centro alla città più cosmopolita dello Stivale. Assaggiate le pappardelle al ragù di salsiccia o una delle pizze: vi verrà voglia di tornare.

Milano, Obicà Mozzarella Bar

Obicà Mozzarell Bar (foto Obicà Mozzarella Bar Italia)

Merenda all’americana da Fancytoast

C’è un po’ di California a Milano e si trova da Fancytoast, in via Alessandro Volta 8. I toast epici di San Francisco arrivano nella città meneghina: è questa la tappa consigliata per una merenda insolita. I toast sono più spessi di quello che ci si aspetta e sono ricoperti di ingredienti coloratissimi e golosi: quelli dolci con frutta, creme e marmellate e quelli salati arricchiti con verdure, salse, gamberetti e decine di ingredienti gustosi. Provatene uno e vorrete assaggiarli tutti.

Fancytoast, Milano

i toast coloratissimi di Fancytoast (Foto Fancytoast, pagina Facebook)

E per cena? Un aperitivo alla Prosciutteria

A Milano, si sa, l’aperitivo è una specie di rito. E’ il momento della giornata in cui, usciti dagli uffici, ci si ritrova non soltanto a sorseggiare un drink, ma anche a degustare vere e proprie prelibatezze. Se siete alla ricerca di un aperitivo che basti come cena, fermatevi alla Prosciutteria di Corso Garibaldi 55 e scegliete uno dei vini della lista e il vostro tagliere, disponibile in formato small, medium e large. L’ambiente rustico è quello di una vecchia macelleria milanese, l’atmosfera è accogliente, la proposta culinaria è da leccarsi i baffi: salumi tagliati al momento, abbinati a fichi, a formaggi con miele, a tartine, crostini di pane con creme, chicchi d’uva e frutta di ogni genere in base alla stagione. Lasciatevi viziare, non ne rimarrete delusi.

La Prosciutteria, Milano

La Prosciutteria di Milano (foto La Prosciutteria, pagina Facebook)


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.