PUBBLICITÀ

 

Pavè di gamberi con salsa ai mirtilli e menta, zucchine fritte e pistacchi.

gamberi-e-salsa-ai-mirtilli

Se siete in cerca di spunti per il menù di Natale, questo antipasto/secondo piatto è la ricetta perfetta per celebrare in tavola la festa più magica dell’anno, stupendo parenti ed amici con una presentazione di grande effetto ma molto semplice da realizzare.

INGREDIENTI ( 2 persone)

per il pavè di scampi

  • 125 g di gamberi freschi
  • 35 ml di panna da cucina
  • ½ lime
  • olio evo
  • sale e pepe

per la salsa ai mirtilli e menta

  • 125 g di mirtilli
  • 1 e ½ cucchiaio di zucchero
  • 50 ml di acqua
  • 50 ml di vino rosso fermo
  • 4-5 foglie di menta fresca

per le spirali di zucchina

  • 1 zucchina
  • olio di semi di arachidi
  • sale

per la guarnizione

  • 20 g di granella di pistacchi
  • 3 foglioline di menta fresca
  • 1 gambero con coda

PROCEDIMENTO

Per prima cosa pulite i gamberi eliminando testa, carapace e budello interno. Quindi incideteli lungo la parte inferiore e fateli sbollentare per qualche minuto in acqua bollente salata. Poi scolateli e lasciateli marinare per 30 minuti in olio, succo di lime e pepe.

Trascorso il tempo della marinatura, trasferite tutto nel mixer, aggiungete la panna e frullate fino ad ottenere un composto omogeneo, simile ad una mousse. Con il mattarello stendete delicatamente il preparato tra due fogli di carta forno, fino ad uno spessore di 2-3 mm, quindi riponetelo nel congelatore per almeno un’ora.

Nel frattempo, in un pentolino antiaderente, fate rosolare per 5-6 minuti i mirtilli con lo zucchero, quindi aggiungete l’acqua, il vino e le foglie di menta e fate sobbollire il tutto a fiamma dolce per 10 minuti, mescolando di tanto in tanto.

Una volta pronta la salsa (dovrà risultare piuttosto densa) trasferitela nel mixer e frullatela in modo da ottenere un composto più omogeneo che, successivamente, filtrerete con un passino, lasciandolo poi da parte a raffreddare.

A questo punto, con un pelapatate o una mandolina, ricavate da una zucchina 10 fettine molto sottili, arrotolatele su se stesse, fermatele con uno stuzzicadenti e fatele friggere in olio di arachidi bollente finché non risulteranno ben croccanti. Quindi scolatele, eliminate il bastoncino, tamponatele delicatamente con della carta per fritti, salatele e tenetele da parte, coperte.

Estraete dal congelatore il composto di gamberi e lasciatelo scongelare il tempo di sbucciare i pistacchi, tostarli per un paio di minuti in un padellino antiaderente e tritarli grossolanamente in modo da ottenere la granella.

Quindi coppate il pavè di gamberi con degli stampi rotondi di diverso diametro, disponete i dischi ottenuti su un piatto come in foto e posizionate al di sopra del cerchio più grande il gambero intero tenuto da parte.

Infine condite con la salsa ai mirtilli e menta, aggiungete le rotelle di zucchina, completate la guarnizione con qualche fogliolina di menta fresca e  la granella di pistacchi e servite.

gamberi-e-pistacchi


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Classe 1979, milanese, laureata in giurisprudenza, dopo una breve carriera come avvocato ho deciso di dedicarmi a tempo pieno ai miei due figli maschi. Mai avrei pensato che grazie alla maternità avrei scoperto la mia più grande passione. Stando ai fornelli a poco a poco ho infatti compreso che la cucina era la strada giusta da percorrere. Così mi sono reinventata impegnandomi con tutte le mie energie per affinare la mia "arte" culinaria. All'inizio mi limitavo ad una mera esecuzione delle ricette ma grazie a un po' di pratica e a qualche critica costruttiva, ho imparato a personalizzare i piatti secondo il mio gusto e le mie intuizioni. Un anno e mezzo fa ho deciso di dare sempre più forma e spazio alla mia passione creando un blog di ricette che rappresentano la sintesi di ciò che desidero esprimere attraverso la mia cucina: l’inventiva, la ricerca di equilibri tra sapori e consistenze diversificati e la cura della presentazione, fondamentale per far si che un piatto appetitoso sia appetibile anche al solo sguardo.