PUBBLICITÀ

 

Be Flower apre il proprio laboratorio ai colori e i profumi dell’oriente

In occasione della Milano Design Week 2018, Monica Bottelli e Laura Calegari, anime di be Flower, ospitano nel loro spazio di via Rovello i mobili creati da Silvia Galbiati e le carte da parati Misha di Chiara e Anna Enrico. Per un incontro che vuole essere un omaggio all’Oriente. Le forme sinuose e al contempo di grande rigore della consolle Django dialogano così con i raffinatissimi disegni delle wallpaper su seta delle collezioni Asia e China. Tra pannelli con rami di ciliegio in fiore, piante, fiori e uccelli, tra mitiche vedute di paesaggi quintessenziali, le due designer di be Flower scandiscono invece gli spazi con composizioni ed installazioni floreali che si ispirano alla purezza delle linee delle pitture orientali e che guardano alle geometrie e alla ricchezza dei materiali – come l’onice e l’ottone – scelte dall’architetto Silvia Galbiati per le sue Capsule Manouche.

Cristina Galliena Bohman Photographer | talentedstories.com

Cosa può nascere dall’unione di due amiche, due personalità diverse ma complementari accomunate dalla grande passione per la natura e il design? La risposta è: BE FLOWERBe Flower è un’idea, una passione e, infine, un luogo dove Monica Bottelli e Laura Calegari hanno sviluppato questo progetto producendo allestimenti floreali ed elementi d’arredo e design. Un laboratorio nel cuore del Brera Design District di Milano in via Rovello 17 che abbiamo già visitato nella passata Milano Design Week 2017. Un luogo che diventa anche showroom o spazio eventi a seconda delle esigenze, al cui interno sono ospitati oggetti curiosi e unici come quadri “verdi”, composizioni floreali con la più grande varietà di colori e profumi, elementi di interior design e complementi d’arredo, vecchi mobili restaurati che riprendono vita diventando “contenitori” di natura.

Cristina Galliena Bohman Photographer | talentedstories.com

E’ in questo spazio eclettico, flessibile che Monica e Laura da anni lavorano ai loro esercizi di stile.
Dalle semplici composizioni floreali degli esordi che si distinguevano già per la scelta dei contenitori, mai scontati ma sempre ricercatissimi, le due partner di be Flower sono ora approdate a un’idea di lavoro più complesso e ricco di sfaccettature. Capaci di servirsi di luci, oggetti, quinte floreali per ricreare atmosfere e suggestioni diverse a seconda dell’evento, hanno così superato il confine della decorazione floreale per giungere a una più elaborata progettazione a tema. Come è stato per il Giardino d’Oriente che ne è un felice esempio.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.