Con Pathport la rivoluzione del travel arriva da Instagram

Talmente banale che sembra impossibile che nessuno ci avesse pensato prima. Creare guide di viaggio con le foto di Instagram degli utenti più bravi a catturare gli scatti delle proprie città, o delle città che hanno visitato.

Quante volte prima di partire, abbiamo digitato il nome della nostra prossima destinazione nella ricerca del social network più amato del momento? Oppure l’hashtag? Ecco che i fondatori di Pathport hanno pensato bene di creare un sito che racconti le destinazioni più belle del mondo attraverso gli occhi, e gli smartphone, di fotografi, designer, artisti e semplici amanti dello scatto che le sanno rappresentare meglio.

"My name is Siobhan Ferguson, a former banker living in West London with my young family. Originally from Ireland I have lived in London on/off since 1999. I left banking a number of years ago to look after my children and around this time joined Instagram and discovered my love for photography too. I now work as a freelance social media photographer, creating content for brands I love. I also run three Instagram hubs, my own personal one and @prettycitylondon and @theprettycities." In her #pathport, @siobhaise takes you to discover "Streets of London you simply must visit" and it's only available on pathport.store – link in bio. ⠀ #lebeauvoyage ⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ #thisislondon #lovelondon #lovegreatbritain #mytinyatlas #mytinyatlaslondon #iamtraveler #theprettycities #theweekoninstagram #inspiremyinstagram #seemycity #allwhatsbeautiful #dametraveler #postcardplaces #abmlifeiscolorful #searchwandercollect #thatsdarling #abmtravelbug #exploretocreate #thelifestylecollective #allshots_ #cafevibes #coffeeshopvibes #facadelovers #straightfacades #sharingaworldofshops #iwalkedthisstreet #chasing_facades #bitsofbuildings

A post shared by Pathport (@pathport) on

Gli utenti selezionati creano così delle guide, che vengono poi messe in vendita sul sito di Pathport (per ora solo in inglese). Basta indicare la città a cui si è interessati nel campo di ricerca e il sito rimanda risultati delle guide create dagli utenti con immagini caratterizzate da un livello di cura estetica talmente elevato che prenotare un volo diventa una tentazione irresistibile.

Dal dentista all’insegnante di yoga: chi sono i Pathporter

Il portfolio di collaboratori è in costante aggiornamento: si va dal dentista di Lisbona amante di viaggi e fotografia all’insegnante di yoga che condivide fotografie mozzafiatto della sua terra, l’Arizona. Come si diventa Pathporter? Bisogna essere scelti dai creatori del sito, che tengono perennemente sott’occhio le figure emergenti su Instagram. La selezione avviene valutando valore estetico delle immagini e capacità di creare una storia attorno ad esse per raccontare un luogo.

"Venice is a wonderful, unique city, but is also probably one of the most photographed cities in the world. How can you avoid taking ordinary photos, which look like thousands of others? From the most famous and classic to the most secrets and hidden, here’s a list of some fascinating places and picturesque corners of the city, where it’ll be possible to take pictures that really stand out in the mass and that will leave open-mouthed friends and relatives." Don't miss out on @geidiemme 's unique guide to his "Fifteen most photogenic spots in Venice" – link in bio.⠀ #pathport #lebeauvoyage ⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ #framesofitaly #huntgramitaly #bitsofbuildings #whatitalyis #travelerinvenice #allwhatsbeautiful #traveldeeper #inspiremyinstagram #tasteintravel #pastelsquares #beautifulmatters #liveunscripted #iamatraveler #passionpassport #openmyworld #seemycity #welivetoexplore #alittlebeautyeveryday #feelfreefeed #postcardplaces #thatsdarling #darlingescapes #abmlifeiscoloful #abmtravelbug #thesincerestoryteller #exploretocreate #living_europe #stayandwander ⠀

A post shared by Pathport (@pathport) on

Laurence Foucher, esperta di digital marketing parigina trapiantata a New York, e Pierre Delebois, direttore creativo, hanno dato vita a Pathport per rivoluzionare il modo di approcciare il mondo dei viaggi. Lo stesso nome del sito, Pathport, è un gioco di parole tra “path”, sentiero, e “passport”, passaporto, ad indicare che lo scopo del portale è fornire facile accesso e comprensione ad un luogo seguendo le tracce lasciate da chi lo conosce bene e da chi lo sa documentare visivamente. Come ha ben riassunto Laurence Foucher in un’intervista ad Untitled Magazine, Pathport “oltre ad essere una guida, è la storia di personalità stimolanti che interpretano una destinazione”.

“Dite addio alle guide tradizionali, costose e superate. Noi vi mettiamo in tasca la bellezza del mondo”.

Già, perchè le guide di Pathport costano in media dai 5 ai 10 dollari. Le guide sono scaricabili sul cellulare e offrono consigli su ristoranti, spiagge, bar, attrazioni culturali di maggior interesse nella località prescelta attraverso le foto e i racconti scritti da un instagrammer selezionato dai creatori di Pathport.

Happy to announce that there's a new #pathport up on pathport.store (link in bio) ! "The intersection of Traditional Life and Modern Design in Hong Kong" by the lovely @anneparavion. ⠀ "Hong Kong’s aesthetic is one that resonates with me, as my design sensibilities can best be described as eclectic. I am as enamored with the city’s modern lines and sky high angles as much as its vintage signage and classic storefronts. Given the city’s density, many visitors are surprised by its easy accessibility to green spaces and nature. The urban environment is not only rich with gourmet cafes, Michelin star restaurants, and glossy retail stores. Temples, small tea restaurants, and traditional businesses are located between contemporary galleries and storefronts. Design and lifestyle juxtapositions are everywhere in this vibrant and inspiring metropolis. ⠀ And there is always more to see." ⠀ Don't miss out on this one! ⠀ #lebeauvoyage ⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ .⠀ #hklifestyle #hongkonger #chasinglight #theprettycities #theweekoninstagram #inspiremyinstagram #mytinyatlas #seemycity #iamatraveler #découvrirensemble #dametraveler #searchwandercollect #thatsdarling #tasteintravel #doyoutravel #abmtravelbug #chasing_facades #straightfacades #abmlifeiscolorful #exploretocreate #thelifestylecollective #allshots_ #femmetravel #darlingescapes #bitsofbuildings #archdaily #architecture_hunter #thecreatorclass ⠀

A post shared by Pathport (@pathport) on

Instagram ha cambiato il modo di viaggiare” racconta Laurence ad Untitled Magazine, “è diventato una delle principali fonti di ispirazione”. Alzi la mano chi ha il coraggio di darle torto.


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.