Peacock blue alla Milano Fashion Week con la linea pronto moda Fall/Winter 2017.

Peacock Blue nasce nel 1988 come azienda che produce esclusivamente maglieria, seguendo l’idea di un prodotto di qualità ma, soprattutto, portabile e che ricalchi l’istinto e il gusto personale delle due fondatrici, Franca Caspani e Luciana Manfredini. Nel corso degli anni l’attività Di Peacock Blue si è indirizzata anche sulla confezione attraverso l’uso di materiali qualitativamente elevati quali sete, velluti e cotoni, elemento da cui ha origine qualsiasi progetto di Peacock Blue.

Peacock Blue

Fall/Winter 2017 – Ph Credits: Glamour Affair.

Lo stile del Brand è quindi indissolubilmente legato al gusto di Franca e Luciana, che cercano di realizzare capi femminili, portabili e “facili”. Nel corso degli anni la produzione si è ovviamente adattata a quelle che sono le esigenze del mercato, rimanendo comunque legata alla propria natura come strumento per far crescere il marchio e dotarlo di identità. Ciò ha indirizzato la produzione verso un mercato di nicchia, in cui si ha l’esigenza di un prodotto di qualità a costi non esagerati.

Peacock Blue

Fall/Winter 2017 – Ph Credits: Glamour Affair.

Peacock Blue basa la propria produzione sull’idea del “pronto” anziché della “collezione”, necessità che nasce dalla difficoltà per molti brand di prevedere mesi prima quello che realmente sarà la tendenza della prossima stagione. Peacock Blue ha un piccolo negozio a Bologna. La produzione dei capi è totalmente italiana e realizzata in piccoli laboratori sartoriali, ormai difficili da trovare, che lavorano sul design, i materiali e i colori dettati dalle scelte di Franca e Luciana.

Peacock Blue

Fall/Winter 2017 – Ph Credits: Glamour Affair.

Per la Milano Fashion Week 2017, Peacock Blue porta al Black di via Tortona capi adatti a più stagioni, da indossare ad esempio sotto un cappotto o una pelliccia a seconda delle giornate. Si segue la tendenza di questi mesi che vede sete e velluti esplodere e, di conseguenza, si è puntato sulla fluidità dei capi seguendo un trend ben delineato. In mezzo a questo Franca e Luciana inseriscono capi “di rottura”, come un cappotto lavorato con materiali particolari, piuttosto che un maglione realizzato a mano.

Peacock Blue

Fall/Winter 2017 – Ph Credits: Glamour Affair.

Sicuramente nel futuro l’Azienda ha nei propri piani di sviluppo di lavorare molto sulla rete e sperare di trovare ragazzi giovani che abbiano voglia di imparare e dare realmente una mano. Perché da Peacock Blue si fa di tutto: dagli scatoloni allo stile! Per la linea Fall/Winter 2017 completa, vi invitiamo a visitare il SITO UFFICIALE PEACOCK BLUE.

Ph Credits: Peacock

 


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.