PUBBLICITÀ

 

Ingredienti per una tortiera di 22 cm:

  • 250 g di farina bianca 00
  • 1 vasetto di yogurt alla vaniglia (o alla pesca – albicocca – naturale)
  • 3 uova medie (consiglio sempre quelle biologiche)
  • 130 g di zucchero
  • Un cucchiaio di marmellata di albicocche (o pesche)
  • 16 g di lievito (una bustina)
  • 50 g di burro
  • 3 mele
  • Un limone
  • un pizzico di sale

Procedimento:

Per preparare la torta di mele allo yogurt iniziate a lavare e sbucciare le mele.

Tagliate le mele a fettine e mettetele in una terrina irrorandole con il succo del limone.

Montate bene le uova con lo zucchero e un pizzico di sale fino a quando il composto sarà bello spumoso.

Nel frattempo sciogliete in microonde il burro e unitelo al composto appena si sarà intiepidito.

Successivamente aggiungete anche lo yogurt e la farina con il lievito (setacciati) mescolando dal basso verso l’alto.

Aggiungete le mele.

Mescolate il tutto sempre con movimenti dolci.

Imburrate e infarinate una tortiera di 22 cm (anche quella da 26 cm andrà benissimo).

Infornate la  torta di mele allo yogurt a forno già caldo (a 180 °C) per 50 minuti.

Dato che i forni sono sempre diversi, per verificare la cottura, fate la prova inserendo uno stecchino nel centro della torta; se estraendolo è bagnato dall’impasto, proseguite ancora la cottura.

BUON APPETITO!

Una ricetta di


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Ho sempre pensato che moda e cucina siano un binomio perfetto a dimostrazione che ogni donna può cucinare liberamente con l’outfit preferito e soprattutto con un bel tacco alto. Si dice che l’occhio vuole la sua parte… cibo e chef perfetti!! Prediligo ricette facili, veloci e soprattutto low cost: minimo sforzo e massimo risultato! Una laurea in economia in tasca e una passione per la cultura culinaria ereditata dai miei genitori: siamo fatti di quel che mangiamo!