Verona è la città degli innamorati per antonomasia, scelta da William Shakespeare per ambientare il suo capolavoro: la storia di Romeo e Giulietta. Ma Verona, a ben guardare, è molto più di questo.
Basta passeggiare nella sua piazza centrale, Piazza Bra, la più grande della città, per ammirare un connubio unico di stili architettonici. Si va dall’Arena, costruita dai romani, ai palazzi del Quattrocento e Settecento, alla Gran Guardia, iniziata dai veneziani e conclusa dagli austriaci, e infine il grandioso Palazzo Barbieri.
Se state progettando una visita a questa meravigliosa e romantica città, prendetevi almeno un paio di giorni per vederla tutta e apprezzarla fino in fondo.

L’Arena, più antica del Colosseo

L’Arena di Verona è senz’altro l’elemento architettonico simbolo della città. Si trova al centro di Piazza Bra, impossibile non vederla. Utilizzata ai tempi dei romani per i giochi venatori e gladiatori, d’estate ospita oggi il festival della stagione lirica. Una curiosità: pur essendo certamente meno famosa del Colosseo, è stata costruita una cinquantina di anni prima.

Arena di Verona

Arena di Verona

Verona e le sue piazze

Le piazze di Verona sono un’altra caratteristica che non mancherà di affascinare. Oltre alla meravigliosa Piazza Bra, che è una piazza verde, perché ospita un giardino al centro, passeggiate in Piazza delle Erbe, così chiamata perché un tempo sede di un importante mercato. Alzate lo sguardo e notate come, ancora oggi, i balconi delle case espongano vasi di verdi piante che accrescono il fascino di questo luogo. Molte pareti esterne degli antichi edifici, inoltre, sono adornate da incantevoli pitture a fresco. Raggiungete quindi la vicina Piazza dei Signori, così chiamata perché ospita diversi palazzi scaligeri.

Piazza delle Erbe, Verona

Piazza delle Erbe, Verona

Non dimenticate di salire in cima alla Torre dei Lamberti, adiacente al Comune, per ammirare un panorama mozzafiato della città.

La Casa di Giulietta, che in realtà non è mai esistita

Durante una visita a Verona è impossibile non fare visita alla Casa di Giulietta, in via Cappello. Si tratta in realtà di un’antica residenza un tempo abitata da un’influente famiglia del luogo, i Cappello appunto, il cui cognome è stato associato ai Capuleti del capolavoro shakespeariano. La casa di Giulietta è visitabile, non così la casa di Romeo, che è abitata e si trova in via delle Arche Scaligere.

Casa di Giulietta, Verona

Casa di Giulietta, Verona

I giardini di Palazzo Giusti, tra i più belli d’Italia

Se amate visitare giardini, non perdetevi in quelli meravigliosi di Palazzo Giusti, non a caso ritenuti tra i più belli di Italia e tanto amati da Goethe. Passeggiate nei labirinti di siepi o salite fino al “mascherone”, un balcone sopraelevato, da cui si ammira il panorama di Verona, raffigurante una belva mostruosa. Lasciatevi ammaliare dal paesaggio verde dei giardini all’inglese e concedetevi una pausa rilassante tra una tappa culturale e l’altra. I giardini e il palazzo si trovano in via Palazzo Giusti 2, dall’altra parte dell’Adige rispetto al centro di Verona, superato il Ponte Pietra.

Tappa culturale al Museo del Castelvecchio

Una visita al Museo del Castelvecchio vi farà ripercorrere la storia della città e dell’arte italiana e non solo. Il percorso museale, ospitato all’interno di un maestoso castello, si snoda tra oltre duecento opere di arte medievale, rinascimentale e moderna di proprietà comunale, insieme a marmi, oggetti antichi e medaglie.

Che cosa mangiare a Verona

Come in ogni soggiorno, non si può passare da Verona senza gustare le specialità tipiche. E a Verona si mangia bene, molto bene. Oltre ad essere la città del dolce natalizio più amato dopo il panettone, il pandoro, lasciatevi tentare dalle sfogliatine di Villafranca, paste dolci e friabili, vendute in tutte le pasticcerie.
Se siete golosi di dolciumi, Verona saprà soddisfare le vostre papille tra rafioi, dolci triangolari fritti, fritole, dolci carnevaleschi, gustose ciambelle dette brassadele e la colomba pasquale.
Per gli amanti del salato ecco invece la peperita, il bollito con la peara, i deliziosi bigoli, il risotto all‘amarone, gli gnocchi, le paparele, la pastissada de caval, la polenta, da gustare con fagioli o cacciagione. Se, seduti a tavola a pranzo e a cena trovate una di queste specialità sul menù, non esitate a ordinarla.

tagliatelle- Verona

Tagliatelle veronesi

Dove mangiare a Verona

Se siete a Verona e dovete scegliere dove mangiare, l’opzione migliore è semplicemente quella di passeggiare nelle sue suggestive piazze e lasciarvi tentare a vostro piacimento da uno dei tanti pittoreschi e suggestivi locali.

Verona, bar in piazza delle Erbe

Verona, bar in piazza delle Erbe

Se tuttavia volete essere certi di non sbagliare, eccovi un elenco dei bar e ristoranti dove è possibile mangiare bene a un giusto prezzo.

Ristorante La Griglia (Vie Leoncino 29): In questa trattoria, caratterizzata da un ambiente rustico e luci soffuse, sarete deliziati da un menù gustoso e tipico a prezzi tutto sommato modici. Oltre alle pietanze di carne, da non perdere ci sono i bigoli con ragù di carne e le tagliatelle verdi alla pancetta.

Al Bersagliere (via Dietro Pallone 1): Questo ristorante, situato direttamente nel centro storico, permette di gustare i veri sapori della tradizione veronese tra cui lardo della Valpolicella, soppressa, bigoli con anatra e pastissada de caval.

Ristorante Al Cristo (Piazzetta Pescheria 6): Questo ristorante di alta qualità propone un menù variegato, dal baccalà al sushi, dalla carne piemontese al caviale, fino ai salumi spagnoli. Perfetto per i palati più esigenti.

Osteria da Ugo (Vicolo Dietro Sant’Andrea 1/b): All’Osteria da Ugo vengono proposti i migliori piatti della tradizione veneta, che variano in base alla scelta dei cuochi e alla reperibilità stagionale dei prodotti. Da non perdere anche i vini, tutti generalmente prodotti nella provincia di Verona.

Osteria Giulietta e Romeo (Corso Sant’Anastasia 27): Situata nel centro storico, questa osteria che porta il nome dei due amanti che hanno reso famosa Verona, propone le prelibatezze tipiche della cucina locale. Da assaggiare assolutamente pasta e fasoi, lumache con polenta e bigoli.

Bar Ristorante Liston 12 (Piazza Bra 12): Situato nella piazza più grande e rappresentativa di Verona, ad un passo dall’arena, il Bar Liston è lo storico caffè di Verona e una tappa qui, anche solo per un caffè, è d’obbligo. La cucina offre piatti tipici veronesi, ma, in estate, è piacevole anche sedersi ad uno dei tavolini all’aperto e sorseggiare un cocktail, magari prima di uno spettacolo all’arena.

Tapasotto (Galleria Pellicciai 12): Se le specialità veronesi non vi bastano e se alla classica cena preferite qualcosa di sfizioso, veloce e informale, allora fate un salto al Tapasotto. Specializzato in aperitivi a base di tapas e sangria in un ambiente dalle atmosfere ispaniche, propone gustosi affettati, ma è disponibile anche un menù senza glutine.


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Copywriter e giornalista iscritta all'albo, classe 1988, scrivo per vocazione. Tre lingue parlate, leggo fin troppi libri per essere bionda. Segno zodiacale: cancro. Fiore preferito: l’orchidea. Consumatrice di rossetti. Cioccolato fondente almeno una volta al giorno. Mai imparato a fischiare. Nella mia mente sono sempre in viaggio. Se fossi un paese sarei l'Australia, l'avventura dei miei 16 anni. I grattacieli moderni, il cuore selvatico delle foreste, i colori chiari dell'outback. A vent’anni scopro l'America, in viaggio tra California e Nevada. Mi innamoro dei colori di Barcellona e dei cieli gelidi di Berlino. Mi sento più sicura se indosso qualcosa di nero. Alla primavera preferisco l'autunno, ma la mia stagione è l'estate. Ero una di quei bambini che parlano con l'amico immaginario. Mal sopporto la neve, il rosa e la marmellata di mirtilli. Sono per i cani piuttosto che i gatti, il mare più che la montagna. Mi arrabbio con moderazione. Mi sgrido tanto. Mi perdono spesso. E sogno di vedere l'Africa.

Leave A Reply