PUBBLICITÀ

 

Sì, proprio lui il Trench. Capo indiscusso e iconico di qualsivoglia primavera, un evergreen che non passa mai inosservato, quasi come un imperativo da seguire senza esitazione. E se casa Burberry ne ha fatto il suo capo di culto per eccellenza, chi siamo noi comuni mortali per disobbedire a questo mondano comandamento? Nessuno. Quindi alzi la mano chi non ne ha ancora acquistato uno e paghi pegno, subito. Ma non un impermeabile qualunque -en passant- ma un signor TRENCH, leggero come una nuvola, in vinile, in perfetto stile Christian Dior.

Blu, da indossare in ufficio con le maniche arrotolate quel tanto che basta per scoprire i polsi, sotto un jeans e una t-shirt a righe, perché sinceramente nei toni del beige annodato in vita, ci ha un po’ stancate, come anche nella versione total black – concesso solo se siete in lutto rigido -, meglio un total red, oppure orange e se volete anche a strisce e quadri. Anche perché parliamoci chiaro: siamo o non siamo in primavera? quindi trench trasparente o super colorati sono d’obbligo, in perfetto stile sciura milanese o circensi da parco poco importa, l’importante è saper osare sempre.

A volte basta davvero poco per lasciarsi ispirare.

Un trench per iniziare la giornata o la settimana. Nulla di più semplice, nulla di più chic

Credit: Pinterest


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Calabrese di nascita e studentessa di Giurisprudenza. “Penso molto, ma non dico tanto” anche se ultimamente dico più del solito spinta dal bisogno di mettere nero su bianco ogni singolo pensiero. Blogger per caso, alla moda e sempre troppo indecisa nella vita. Sono sempre alla ricerca di me stessa, mi perdo facilmente e sono sempre in ritardo sulla tabella di marcia. Credo nel potere rigenerante del caffè caldo il lunedì mattina e nel silenzio delle prime luci del giorno capace di mettermi in pace con il resto del mondo. Scrivo molto - soprattutto di domenica - e amo i gatti, quelli dal pelo lungo e soffice di più. Amo viaggiare: alle grandi mete preferisco i piccoli luoghi da scoprire e sconosciuti. Il mare, la mia seconda casa. Mi piace ritrovarmi in uno scatto fotografico e nei miei libri preferiti, nell'attesa di realizzare un sogno - e qualcosa in più -. Non importa quanto ci metterò, quello che conta, adesso, è godermi ogni singolo giorno, passo dopo passo.