Ingredienti per realizzare i canederli – ricetta per 4 persone:

  • 60 g di cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • 200 g di spinaci lessi
  • 70 g di burro
  • 2 uova
  • 50 ml di latte
  • 100 g di formaggio a cubetti
  • 15 g di farina
  • 150 g di pane bianco raffermo
  • Un pizzico di sale e di pepe
  • Noce moscata q.b
  • 30 g di parmigiano
  • Prezzemolo fresco q.b

Procedimento per realizzare i canederli:

Fate soffriggere l’aglio e la cipolla in un poco di burro. Togliete l’aglio e tenete da parte la cipolla.
Tritate gli spinaci che avrete precedentemente lessato con un pizzico di sale, pepe e noce moscata.
In una terrina mescolate gli spinaci, la cipolla stufata, le uova, la farina, il formaggio tagliato a cubetti, il prezzemolo fresco e il pane raffermo tagliato in piccoli pezzettini.
Mescolate bene e date forma ai vostri canederli: dovranno essere delle sfere non più grandi di 4-5 cm.
In una capiente pentola portate ad ebollizione dell’acqua salata e fate cuocere i vostri canederli per 10-15 minuti.
Trasferite i canederli su un piatto da portata, spolverateli con del parmigiano e irrorate con del burro fuso.
Per i canederli alla barbabietola bisogna sostituire semplicemente gli spinaci lessi con delle barbabietole già cotte.
Invece per i candederli al formaggio al posto degli spinaci mettete 200 g di formaggio semi stagionato.

una ricetta di


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Ho sempre pensato che moda e cucina siano un binomio perfetto a dimostrazione che ogni donna può cucinare liberamente con l’outfit preferito e soprattutto con un bel tacco alto. Si dice che l’occhio vuole la sua parte… cibo e chef perfetti!! Prediligo ricette facili, veloci e soprattutto low cost: minimo sforzo e massimo risultato! Una laurea in economia in tasca e una passione per la cultura culinaria ereditata dai miei genitori: siamo fatti di quel che mangiamo!