A Singapore lo street food è stella Michelin.

Negli ultimi anni anche lo street food si è ormai evoluto, e può capitare facilmente di imbattersi in preparazioni “gourmet” anche per le strade delle città. E se lo riconosce la “Bibbia della cucina”, stiamo assistendo ad una rivoluzione dei canoni tradizionali dell’enogastronomia. Da quest’anno, a Singapore, il “cibo da strada” è stella Michelin! Lo ha stabilito la nuova Guida Michelin Singapore, che ha assegnato il prestigioso riconoscimento gastronomico e due “miti” dello street food locale: l’Hill Street Tai Hwa Pork Noodle e l’Hong Kong Soya Sauce Chicken Rice and Noodles. Il primo è noto per i noodles, il secondo invece è rinomato per un semplice riso al pollo con salsa di soia.

Noddles, piatto tipico all’Hill Street Tai Hwa Pork Noodle

Per la prima volta nella sua storia, che affonda le radici nel 1900, la celebre Guida Michelin attribuisce le sue pregiate stelle non ad uno ma a ben due chioschi di Singapore, una metropoli che si distingue per una proposta ristorativa tra le più in crescita degli ultimi anni per varietà, influenze, contaminazioni e rapporto qualità/prezzo. Se nel corso dei vostri prossimi viaggi vi capiterà di trovarvi in questa città, non esitate a recarvi a gustare i piatti take-away dei chioschi stellati! La fila fuori, sempre presente, è garanzia di qualità. E si mangia per meno di 4$!

Riso al pollo con salsa di soia, piatto tipico all’Hong Kong Soya Sauce Chicken Rice and Noodles

Ma Singapore è tra le patrie dello street food: piccoli locali storici e baracchini improvvisati invadono le strade di profumi prepotenti. Allora cosa, nei due neo stellati, ha fatto la differenza? Design, ambientazione e posate di lusso? Inutili Sciocchezze! Per il riconoscimento della prestigiosa stella è importante prima di tutto la “performance assoluta del piatto“, parola di Sergio Lovrinovich, direttore della Guida Michelin Italia. Materia prima, qualità, bilanciamento di sapori e consistenze, coerenza del piatto. Questi gli elementi vincenti!

Cerimonia di conferimento ufficiale del premio

Un video sul canale youtube della Guida Michelin vi racconta di come questi due miti dello street food sono arrivati ad un traguardo così prestigioso.


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Il mio nome è Alessio, ma per i più sono Gillo. Nato in Brianza nel 1988, sono per metà pugliese. Ho un carattere risoluto e spesso odio le mezze misure, ma ciò non mi impedisce di essere sempre disponibile verso tutti. Sono tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore) e credo che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Ho molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design mi ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ho esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società che ho aperto con mio fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), in genere mi ha portato ad essere un gran osservatore e sviluppare un forte occhio critico. Cerco di dare molto valore al tempo, soprattutto perché è il più grande strumento di democrazia essendo, per natura, uguale per tutti.