Relax e buon cibo in Riviera Ligure.

Prendersi del tempo per staccare dalla quotidianità andrebbe fatto di tanto in tanto… non solo per riposarsi dalla stanchezza fisica della settimana, cambiare aria aiuta molto anche mentalmente.
Certo, la gita fuori porta non deve essere motivo di ulteriore stress, perché si sa: il weekend sembra lungo, ma in realtà, almeno che non si attacca il venerdì o il lunedì, di fatto tra spostamenti e altro è una giornata e mezza piena di puro relax.
L’ideale per godere di tutto il benessere della gita fuori porta sarebbe non andare troppo lontano da casa, così da passare meno tempo possibile in macchina.
A pochi passi da Milano e dal Sud del Piemonte, meta molto ambita soprattutto d’estate e durante i ponti è la Riviera Ligure.
Un weekend di primavera in Riviera Ligure vuol dire sicuramente relax, le città non sono ancora invase dai turisti ed è possibile gustare buon cibo.

Cosa fare un weekend di primavera in Riviera Ligure.

Quando passiamo del tempo in buona compagnia o semplicemente facendo quello che ci fa star bene il tempo è tiranno, così bisogna ottimizzarlo al meglio.
Come qualsiasi località turistica che sia un minimo organizzata, il lungo mare prolifera di hotel e ristoranti, ma se volete un posto tranquillo dove ci sia una maggiore attenzione per gli ospiti il mio suggerimento è quello di trovare un alloggio, un hotel o un b&b un paio di chilometri distanti dal centro città.
Io vi suggerisco “La Locanda del Borgo” a Sestri Levante, un piccolo albergo a conduzione familiare: ottimo cibo, personale gentile e accogliente.
Se avete pochissimi giorni vi suggerirei di fare delle lunghe passeggiate sul lungo mare, visitare i centri storici e mangiare nelle trattorie e ristoranti tipici della zona, evitando posti più “commerciali”; fatevi consigliare magari da gente del luogo o da chi ci è già stato.

I consigli di Glamour Affair per un tour in Riviera Ligure.

Il tempo in questo periodo è ottimo per stare all’aria aperta, godere del sole e del profumo del mare.
Glamour Affair vi consiglia sicuramente di visitare il centro storico di Sestri Levante e l’immancabile passeggiata nella Baia delle Favole e Baia del Silenzio.
A pochi chilometri da Sestri c’è Chiavari, meno caratteristica di Sestri, ma è piena di ottimi ristoranti sul lungo mare.
Non potete non fare un pit-stop a Santa Margherita Ligure: il centro è molto carino e caratteristico, è sicuramente il paradiso per gli amanti degli yacht.
Infine, prima di rientrare è d’obbligo vistare Camogli: una piccola delizia della Riviera Ligure, un paesino molto caratteristico con tutte le case arroccate e colorate, un porticciolo dove il tempo sembra essersi fermato; impossibile resistere al fascino del faro.

Ph. Credit: Iolanda Corio

Salva


- Advertisement -


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Classe 1984, calabrese di origine, ma brianzola di adozione. Segni particolari? Sono dei gemelli e questo basta e avanza! Odio: annoiarmi, le persone negative, la tristezza e la cattiveria gratuita. Amo: il mare, il sushi, la pizza, il tiramisù e in generale il buon cibo... e, ahimè, si vede! Amo leggere storie romantiche che mi fanno sognare ad occhi aperti, ballare, cucinare e gli animali, in modo particolari i cani. Sono un’eterna e inguaribile romantica, ho un animo rock, ma impazzisco per il tulle, le gonne midi, soprattutto se sono vaporose e i tacchi alti, anche se per comodità indosso spesso le sneakers. Parlo tanto, anzi tantissimo... parlo anche con i muri. Ah, di conseguenza scrivo anche tanto. Mi sono laureata in Comunicazione di Massa Pubblica e Istituzionale nel 2011; la mia passione per la moda mi ha portato ad aprire un blog nel 2013: The Shade of Fashion, il mio angolo personale sul web. Piena di energia, per me le cose sono o bianche o nere, le mezze misure il più delle volte non esistono. Io sono così, o mi si ama o mi si odia! Il dilemma è: "mi amerete o odierete?".

Leave A Reply