Laura Brioschi sfida i tabù della moda nel pieno della Milano Fashion Week.

Domenica 25 febbraio, nel pieno della Milano Fashion Week, 25 donne selezionate tramite il contest “Warriors Search” indetto un mese fa su Instagram, si sono ritrovate per sfatare il più grande tabù della moda: il pregiudizio. “Ci siamo spogliate dai pregiudizi” ha detto Laura Brioschi, modella curvy e influencer che ha orgnizzato la “#BodyPositiveCatwalk” con modelle curvy, modelle regular, alcune delle sue followers e ragazze speciali come Federica, nata senza una mano e Valentina, che fa parte dall’Associazione Italiana Persone Down AIPD. “Queste ragazze rappresentano il coraggio di mettersi in gioco, in ogni taglia, in ogni forma, magre o curvy, altre o basse” afferma Laura. Sono ragazze che non si mostravano in costume per vergogna del proprio corpo e altre ancora hanno sofferto di disturbi alimentari.

Body Positive Catwalk

PH: Mattia Abbiati

La manifestazione è stata totalmente no profit ed ogni ragazza ha indossato il suo personale indumento percorrendo la piazza fiera di rappresentare se stessa ed ispirare altre donne a sentirsi bene nella propria pelle. L’obiettivo di questa “#BodyPositiveCatwalk” è stato quello di aiutare tutte le donne a trovare il proprio sano equilibrio. Questo messaggio è importante trasmetterlo soprattutto attraverso il mondo della moda, creando una “Battaglia di fiori” unanime contro le ossessioni ed i pregiudizi. L’evento è stato ispirato prevalentemente dall’iniziativa “#therealcatwalk” svoltasi a New York creata da Khrystyana, e dall’evento creato dalle sorelle Alyse e Lexi Scaffidi, che hanno dato vita alla sfilata “Anti-Victoria’s Secret Fashion Show” per mettere in mostra diversi tipi di bellezza e non solo modelle taglia 38.

Body Positive Catwalk

PH: Mattia Abbiati

Ma chi è Laura BrioschiLaura Brioschi, 27 anni, taglia 48, modella curvy e positive influencer. Per lei essere curvy significa “Armonia, orgoglio e benessere“. Laura infatti, dopo un passato in cui ha sofferto di bulimia e senso di inadeguatezza, vuole trasmette positività riguardo al proprio corpo a donne ed uomini attraverso Instagram, dove Laura Brioschi ha raggiunto oggi 300k followers. Il suo hastag #CURVYISNOTACRIME,  dedicato a chi come lei si è sempre sentito in colpa per essere giudicato “troppo”. A maggio 2017, è stata scelta come conduttrice de “Il bello delle Curve“. Laura sta anche per lanciare una piccola linea di costumi creata e prodotta da lei stessa. A seguire il video aftershow dell’evento #BodyPositiveCatwalk. Seguitela sui suoi profili Instagram e Facebook!


 

Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

 

About Author

Conosciuto come Gillo, nasce in Brianza nel 1988 ed è co-fondatore di Glamour Affair. Ha molte passioni, ma quella innata per la progettazione e il design lo ha portato a conseguire nel 2014, presso il Politecnico di Milano, la Laurea Magistrale in Architettura delle Costruzioni con il massimo dei voti. Iscritto all'Ordine professionale dal 2016, ha esercitato la professione di architetto e fotografo come libero professionista, lavorando oggi nella comunicazione e nella fotografia con la Società Quadrifolium Group S.r.l. che ha fondato con il fratello Stefano. Il mondo dell’arte e della creazione (non della creatività, quella la lasciamo ai grandi Maestri), lo ha aiutato ad essere un gran osservatore ed a sviluppare un attento occhio critico. Un carattere risoluto lo porta spesso ad odiare le mezze misure, ma ciò non gli impedisce di essere sempre disponibile verso tutti ed ascoltare le persone. Si ritiene tradizionalista (alcuni, per disprezzo, direbbero conservatore), ma senza timore del progresso, e crede che solo l’impegno e la costanza possano portare al raggiungimento dei propri obiettivi. Cerca sempre di dare molto valore al tempo perché, essendo di natura uguale per tutti, è il più grande strumento di democrazia.