Alla ricerca dello straordinario

Le Arti visive hanno sempre conquistato il cuore delle persone, con tecniche più o meno comuni e sfruttando materiali a volte impensabili per creare qualcosa di straordinario e che generi uno stato emotivo nell’osservatore.
La ricerca di nuove forme e metodi espressivi nell’arte è un viaggio senza fine e in giro per il mondo si incontrano artisti che con il loro lavoro cambiano costantemente il modo con cui vediamo la realtà che ci circonda.
Ho parlato qualche mese fa di un’artista insolita, Cornelia Konrads, che con la land-art crea “situazioni” straordinarie con materiali semplici, che stupiscono l’osservatore e che sembrano infrangere le regole dell’universo in cui viviamo. Il trucco c’è, ma non si vede!
Oggi voglio parlarvi di un’altro artista fuori dagli schemi: Jordan Mang-osan

Dipingere con un raggio di sole.

Jordan Mang-­osan è nato il 21 settembre 1967 ad Acupan, Itogon Benguet, nelle Filippine. La Provincia Mountain, dove vive, è soprattutto un territorio agricolo costituito da infinite montagne e grandi vallate.

E’ un artista veramente particolare, che “dipinge” con una tecnica antica: la pirografia. Dal greco antico “scrittura col fuoco”, è una tecnica d’incisione praticata per mezzo di una fonte di calore su legno, cuoio, sughero o altra superficie, normalmente utilizzata in passato usando punte di ferro arroventato.
Jordan per realizzare le sue opere non utilizza una punta di metallo, ma una lente di ingrandimento fissata ad una canna di bambù: concentrando dei raggi di sole sui supporti (normalmente di legno) riesce a dare vita a rappresentazioni d’effetto, con un grado di dettaglio impressionante se si pensa alle modalità di realizzazione.
Con pazienza e abilità è capace di riprodurre paesaggi, ritratti e rituali indigeni rappresentando il ricco patrimonio del popolo Igorot.
Prima disegna uno schizzo con un carboncino come guida e poi con la lente concentra i raggi di sole sui tratti e, in base al tempo e alla concentrazione del raggio, riesce a riprodurre sfumature e tratti di diverso spessore ed intensità.
Come è intuitivo il suo lavoro è fortemente influenzato dalle condizioni atmosferiche: può lavorare solo nelle giornate di sole pieno all’aria aperta e per compiere un unico quadro può impiegare diversi giorni, se non mesi.


Grazie per aver letto questo articolo!

Se ti è piaciuto condividilo utilizzando i tasti di condivisione social e iscriviti alla nostra Newsletter settimanale per rimanere sempre aggiornato. Potrai cancellarti in qualsiasi momento.

campanella

 Sharing is Caring! 😉

   

About Author

Per metà di origine pugliese, vivo in Brianza, una zona stupenda dal punto di vista del paesaggio, come buona parte della nostra penisola. Diplomato Geometra e poi laureato in Ingegneria Edile e Architettura, ad oggi lavoro come libero professionista nel campo della progettazione assieme a mio fratello, con cui mando avanti l'attività di famiglia da tre generazioni. Questo, però, non mi ha impedito di coltivare diverse passioni tra cui lo sport, la fotografia, viaggiare... e per ultimo, ma non meno importante, il buon cibo. Mi potrei definire una buona forchetta... e un pochino forse si nota. Sono una persona pacata e precisa sul lavoro, ma disordinata nella vita personale e chi mi conosce lo sa bene. Negli anni ho contribuito all'organizzazione di diversi eventi e collaborato con più persone e società. Da sempre convinto che il web e la comunicazione siano una grande autostrada da percorrere, sono pronto per questa nuova, e per me inedita, esperienza. Ho un motto:”Massimo risultato col minimo sforzo!”.